AGGIORNAMENTO –  I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Alessandria hanno chiuso il cerchio attorno alla brutale rapina messa a segno il 6 dicembre nella gioielleria CM di Pozzolo Formigaro.

Dopo il blitz di metà gennaio in un bar della provincia di Pordenone che aveva permesso di sottoporre a fermo i due esecutori materiali dell’efferato colpo, il 36enne della provincia di Pordenone Daniele Savoca e Cosimo Filomeno, 40 anni originario di Brindisi, i militari all’alba di sabato hanno portato in carcere anche Eugenio Isidoro. L’uomo, 43enne di Brindisi da un decennio residente in provincia e negli ultimi anni a Novi Ligure, era stato “il basista” di quella brutale aggressione al gioielliere, violentemente picchiato per un rotolo di preziosi del valore di circa 30 mila euro. Continua dopo il banner

adv-881

I calci e pugni al volto erano stati sferrati da due uomini che in passato avevano già messo a segno colpi altrettanto efferati, ma che mai erano stati nell’alessandrino. Proprio perché sicuri di non essere riconosciuti erano entrati a volto scoperto nella gioielleria di Pozzolo, monitorata da un moderno sistema di videosorveglianza. Qualcuno doveva però aver aiutato i due, che si erano conosciuti in carcere, a individuare l’obiettivo del colpo in provincia. Seguendo questa pista i militari della I Sezione investigativa guidati dal Luogotenente Alfio Musumeci hanno cercato un collegamento tra Savoca, Filomeno e l’area novese. Così sono arrivati a Eugenio Isidoro “un broker della manovalanza criminale”, capace di mettere in contatto i pregiudicati più adatti a ogni colpo, ha spiegato il Maggiore Giacomo Tessore, Comandante del Nucleo Investigativo.

Era stato proprio Isidoro ad aiutare il conterraneo Cosimo Filomeno a prendere confidenza con la zona di Pozzolo, fin dalla fine di novembre. Sempre Isidoro avrebbe rubato a Tortona la Fiat Panda usata per il colpo, poi guidata anche il giorno della rapina per portare i complici lontano dalla gioielleria. Quel giorno i tre si erano fermati a Villalvernia, dove  avevano abbandonato la Panda e approfittato della sicura via di fuga verso il padovano che Isidoro aveva preparato per i complici, molto probabilmente facendosi aiutare da una quarta persona, già identificata dai Carabinieri e su cui sono in corso accertamenti.

Con l’arresto del “basista” i Carabinieri hanno intanto fatto completa luce sulla violenta rapina e soprattutto scongiurato altri possibili colpi da parte degli arrestati.

 

 

 

 

ALESSANDRIA – È stato catturato anche il terzo autore della violenta rapina alla gioielleria CM di Pozzolo Formigaro, commessa il 6 dicembre dell’anno scorso. I Carabinieri illustreranno l’operazione questa mattina durante una conferenza stampa. I complici, altri due soggetti, erano stati, catturati lo scorso 13 gennaio.

Seguiranno aggiornamenti nel corso della giornata.