CORRIEREAL – “Il limite degli alessandrini è il loro eccessivo scetticismo, e la tendenza a criticare in maniera caustica qualsiasi nuovo progetto. Ma io questa città la amo alla follia, e ci provo ancora a lanciare un sasso nello stagno:dice che stavolta qualcosa si muoverà?”. Romano Anfossi non ha davvero bisogno di nessuna presentazione, né come imprenditore del settore abbigliamento, e neanche come ‘lucido visionario’ capace di stimolare la collettività con progetti sempre all’avanguardia. (Leggi il resto dell’intervista su Corriereal)