VALENZA – “Il distretto dolciario novese è senz’altro una realtà produttiva dinamica e vitale: il rammarico semmai è di aver provato a farlo diventare sistema, senza riuscirci. Ma forse è giusto così, e il nostro individualismo è anch’esso una virtù imprenditoriale importante”. Incontriamo Luigi Serra, contitolare con la sorella Alessandra della Serra Dolciaria, una mattina nebbiosa, nello stabilimento dell’azienda, di fronte alla Campari, zona industriale di Novi. Il resto dell’articolo su Corriereal.