CORRIERE AL – “Più a fondo conosco il territorio alessandrino, e più mi sembra straordinariamente ricco di potenzialità, e di risorse anche umane. Forse un po’ sopite, e poco consapevoli del loro valore: ma a questo volendo si rimedia”. Umberto Signorini ve lo abbiamo già presentato nei mesi scorsi, cercando poi di seguirne il percorso e la proposta,fortemente mirata alla valorizzazione del Monferrato, ‘un gioiello che è persino ingiusto paragonare alle Langhe, o al Chianti: il Monferrato è diverso, e unico”, e la filiera agricola “che può e deve rappresentare un moltiplicatore di ricchezza nei prossimi decenni, a patto di fare le scelte giuste, e di crederci davvero”

Prima di Natale raccontammo il progetto dell’imprenditore milanese, e la sua ricerca (in collaborazione con Cia Alessandria) di giovani talenti interessati a sviluppare business innovativi in ambito agricolo. Il resto dell’articolo su Corriere Al.