CERVIA – Se amate il cielo blu elettrico spazzato dal vento e tempestato di decine di colori, nei prossimi fine settimana Cervia è il posto per voi. Potete approfittare dei ponti lunghi, scegliere un aquilone come il Large Octopus e andare a vedere, fino al primo maggio il Festival dell’Aquilone di Cervia, la prima manifestazione al mondo dedicata all’arte eolica, fra i più longevi eventi del settore e declamato dall’americana Drachen Foundation di Seattle (la massima autorità nel campo degli aquiloni) come uno dei dieci festival da non perdere nel mondo.

Il Festival Internazionale dell’Aquilone di Cervia, organizzato da Artevento, presenta alla 37^ edizione più di 200 Artisti del Vento provenienti da 30 Paesi dei 5 continenti: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Canada, Curaçao, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Ghana, Giappone, Olanda, India, Inghilterra, Irlanda, Israele, Italia, Lussemburgo, Nuova Zelanda, Pakistan, Polonia, Russia, Spagna, Sri Lanka, Stati Uniti D’America, Svezia, Svizzera, Tasmania e Ungheria. Continua dopo il banner

adv-910

Dal 21 Aprile al 1° Maggio, dunque tutti con il naso all’insù in riva al mare lungo un km di spiaggia a Pinarella di Cervia, per assistere allo spettacolo dell’arte che vola all’insegna della pace, della creatività e del rispetto per l’ambiente. Per fare volare il proprio aquilone o semplicemente per assistere alle esibizioni in programma tutti i giorni nelle aree di volo del Villaggio del Festival, sono circa 200.000 gli appassionati che ogni anno raggiungono Cervia, confermando il successo di un festival fra i più attesi, che appaga in egual maniera tanto i grandi che i bambini.

Dall’Arte che Vola agli aquiloni etnici della tradizione, dai volo acrobatico al combattimento, dal kite surf al volo dei giganti, passando per fotografia aerea e applicazione scientifica, sono molteplici infatti le attrazioni avvincenti per spettatori di ogni età e che, negli corso degli anni, hanno sedotto anche tante celebrità in visita al Festival, come ad esempio, Lucio Dalla, Licia Colò, Reinold Messner, Alberto Fortis, Umberto Guidoni, la Principessa di Bali e Heather Henson, figlia del celebre inventore dei “Muppets” Jim Henson.

LE NOVITA’ DELLA 37^ EDIZIONE
E se crescono in maniera esponenziale tanto il successo mediatico che la risposta del pubblico, Artevento 2017 si fa letteralmente in quattro, aggiungendo al consueto spettacolo del volo sulla spiaggia ben tre straordinarie novità: la mostra “Michel Gressier & ses amis” e l’installazione eolica “Velums” dello stesso artista, rispettivamente nelle due location collaterali del Magazzino del Sale e della Rotonda Primo Maggio, e il Circo Paniko, ospitato col suggestivo chapiteu sulla spiaggia all’interno del Villaggio del Festival. Mentre l’artista francese Michel Gressier, fra i più importanti esponenti del panorama internazionale che si muove sui temi dell’arte del vento, presenta una rassegna di aquiloni dipinti e uno spettacolare esempio di environmental wind art, tracciando con la sua opera un percorso che tocca due dei luoghi simbolo della Città e portando l’atmosfera del festival fino a Cervia Centro e a Milano Marittima, il Circo Paniko, d’altro canto, aggiunge ulteriore magia al già avvincente programma del Festival, dedicato sempre di più all’arte del sogno e alla contaminazione fra le discipline.
Il celebre collettivo di artisti internazionali che propone una lettura contemporanea delle arti circensi, senza l’utilizzo di animali, presenta al Festival un avvincente spettacolo orchestrato da acrobati, equilibristi, mimi e trapezisti e calibrato sulle sonorità di una straordinaria orchestra.