CASALE – E’ arrivato il giorno del derby, una data che i tifosi di Orsi Derthona e Junior Casale si sono segnati sul calendario da tempo. Si gioca al PalaFerraris di Casale, per oggi però “casa” dei bianconeri di coach Cavina. Palla a due alle 18. I due team arrivano a questo appuntamento con sentimenti contrastanti: Derthona veleggia al quarto posto in classifica ma ha perso le ultime due partite, la Novipiù invece ha vinto l’ultimo turno contro Scafati ma è penultima in graduatoria, con appena tre successi stagionali. Lo scorso anno i due club vinsero un derby a testa, quello in trasferta.

Siamo davanti a una partita molto importante per l’ambiente, quello che a Tortona è considerato il vero derby” ha detto coach Demis Cavina “Né noi né i nostri avversari avremo molto tempo per prepararlo dal punto di vista tecnico, pertanto focalizzeremo le nostre attenzioni per recuperare le energie psico-fisiche e per riprendere il cammino che ultimamente non è più roseo come lo è stato all’inizio dell’anno. Quello che stiamo vivendo è un periodo di flessione: ogni campionato è composto di vari bioritmi e noi ci siamo trovati ad affrontare le ultime partite nella sua onda negativa. Ho visto che questo aspetto ha fatto notizia; probabilmente all’esterno del nostro ambiente non sono così chiari gli obiettivi di squadra e società, ma non è importante. Dobbiamo pensare a noi stessi e a farci trovare pronti per una partita sentitissima, che giocheremo sul loro campo e dopo un viaggio lungo come quello di Agrigento. Siamo una squadra che si esalta nelle difficoltà: alla luce del nostro recente passato, posso dire che saremo estremamente carichi”. Continua dopo il banner

adv-322

Il tempo per caricare le energie e per prepararsi è poco” ha detto coach Marco Ramondino “Dobbiamo prendere forza dal grande spirito di squadra e dalla grande compattezza che ci ha permesso di vincere contro Scafati e di superare i momenti di difficoltà nel corso della partita. Tortona è un avversario molto diverso, una squadra che gioca molto bene, in velocità e che ha tanti giocatori che possono fare male con il tiro da fuori. Hanno delle gerarchie molto ben definite con giocatori di qualità ed esperienza e un ottimo impatto a rimbalzo con il quale spesso cambiano le partite, e tutti questi fattori rendono molto difficile l’interpretazione. Noi come sempre dovremo cercare di fare piccoli passi in avanti e cercare nella durezza e nel gioco di squadra le armi per portare a casa la vittoria”.