TORTONA – Addio Derthona Fbc 1908. Anche uno dei titoli sportivi più longevi del Piemonte scomparirà. Il presidente dei leoncelli, Riccardo Sonzogni, non è riuscito ad avere a disposizione tutti i capitali necessari per l’iscrizione alla prossima serie D. La società, quindi, è destinata alla liquidazione e poi al fallimento. Il titolo sportivo sarà messo all’asta. E dire che Sonzogni aveva fatto ben sperare, garantendo la preiscrizione, col contemporaneo annuncio, però, di voler passare la mano. Ora non sono arrivati i prestiti e i fondi che lo stesso patron contava di incamerare.

Servivano 15.500 per integrare la fidejussione e 9 mila per liquidare la procedura con Miale” ha sottolineato lo stesso Sonzogni a Radio Gold “io disponevo di 12 mila euro, ne sono mancati 12.500. Tutte le mie richieste d’aiuto ad altri partner o imprenditori sono cadute nel vuoto, rimandate di circa 2 mesi ma l’urgenza era adesso. Sono molto dispiaciuto e amareggiato. Non mi aspettavo una fine di questo tipo. Se ho fatto degli errori? Ce ne sono stati tanti se siamo arrivati a questo punto. Me ne assumo la responsabilità, ma non ho avuto alcun appoggio.” Continua dopo il banner

adv-86

Sbigottiti i tifosi bianconeri: lunedì pomeriggio una delegazione si era recata in Comune per un colloquio col sindaco Bardone. Le parti si sono riaggiornate per giovedì, ora che la situazione si è fatta drammaticamente più chiara.

L’unica speranza che si apre è quella del settore giovanile. Sarà formato un nuovo Derthona, in grado di dare una casa ai circa 150 ragazzi del vivaio, come sempre gestiti da Antonio Simoniello. Sonzogni si è detto disponibile a contribuire attivamente con una sponsorizzazione ma senza alcuni coinvolgimento diretto a livello societario e di organigramma.