TORTONA – Il futuro del Derthona è appeso a un filo sottilissimo. Proprio a partire da oggi, lunedì 22 agosto, l’amministrazione comunale e il trust dei tifosi “Noi siamo il Derthona” hanno avviato una pubblica sottoscrizione per costituire una nuova realtà calcistica che possa far rivivere le emozioni e i successi del passato. Chiunque volesse  sostenere l’iniziativa potrà farlo recandosi allo studio del commercialista Giuseppe Balza, in Corso Montebello 1. Si può versare un contributo volontario, occorre avere con sé un documento d’identità.

Nel frattempo è tramontata l’ipotesi di rinascita di una società denominata Asd Derthona portata avanti da Davide Grillo, presidente dell’Audax Orione, un progetto che avrebbe coinvolto anche il settore giovanile del Derthona Fbc 1908, la società destinata al fallimento.   Continua dopo il banner

adv-845

Queste le parole di Davide Grillo:

Non è possibile, portare avanti un progetto, sebbene umile quando la tifoseria organizzata, di vitale importanza per la riuscita dello stesso manifesta il disappunto in maniera così palese e clamorosa “distribuendo” post sui maggiori social e comunicati stampa dove si legge che non riconosceranno la nuova società come proseguimento del Derthona, nonché che in caso di iscrizione diserteranno lo stadio e addirittura picchetteranno le biglietterie qualora la nuova società giochi al F. Coppi.

I tifosi sono l’anima e la linfa vitale delle società e pertanto è estremamente necessaria l’unanimità nell’approvazione del progetto e anche le loro critiche, ma tutto ciò deve sempre avvenire nel massimo reciproco rispetto.

Rispetto che non c’è stato nei miei confronti, nei confronti della società Audax, del mio Staff e peggio nei confronti del Gruppo a cui appartengo. Sono stato insultato e minacciato pur essendo l’unico e dico l’unico imprenditore della città che ha messo la propria faccia e il proprio tempo per far rinascere il Derthona. Purtroppo ritengo si pensi più alla categoria che ad avere una società seria e senza debiti lasciando, spero di no, a mercenari che poco importa del Leone, ma che farà rinascere il Derthona per propri scopi personali.

Inoltre, devo dire che non si è trovato un solido apporto neppure da parte dell’assessore allo sport, dove con un comunicato stampa smentiva l’ufficialità dell’incontro prendendo palesemente le distanze dal progetto. Incontro avvenuto, nell’ufficio comunale dell’assessore, in presenza anche di un loro Dirigente e dove gli si comunicava l’unione dei settori giovanili di DERTHONA E AUDAX e la volontà di iscrivere in 3^ categoria la neo nata ASD. Pertanto anche se solo successivamente smentita ritengo sia stata comunque una forma di ufficializzazione in quanto al cospetto di un assessore, ma posso sbagliarmi.

Tutti questi aspetti negativi hanno portato alla decisione di fare un passo indietro e lasciare spazio a qualche volenteroso imprenditore, che più che volenteroso dovrà essere molto, ma molto danaroso per soddisfare i sopraffini palati di tutti. Non credo che possa rinascere il Derthona con questi presupposti e il tempo mi darà purtroppo ragione.

Ritengo che per gettare le basi occorra, umiltà e spirito di sacrificio, cosa che non ho trovato, anzi oggi non sono neppure certo che si voglia veramente far rinascere il Leone, in forza a qualche subdolo gioco di potere.

In ogni caso la società AUDAX e io personalmente sarò sempre e comunque vicino al Leone e come “cugini” storici daremo sicuramente la nostra piena collaborazione, per quanto ci potremo permettere ad ogni iniziativa che verrà perseguita per la rinascita del Leone.

Il Leone era ferito, ma con noi poteva guarire lentamente. Ora forse, anche se spero con tutto il cuore da tifoso di no …. è probabilmente morto.