CORNELIANO – BONBONASCA 1-2

Marcatori: Pagano (B); Melle su rig. (C) e Zamburlin (B) Continua dopo il banner

adv-489

BONBONASCA: Ferraroni, Fava, Zamburlin, Lewandowski, Sola, Pagano, Kutra, Ravera, Massaro, La Caria ed Echimov. All.: Melchiori.

CORNELIANO – Sembrava l’ennesima partita maledetta, con il momentaneo pareggio del Corneliano mentre la BonBonAsca stava dominando la gara. Il gol-vittoria di Zamburlin nel recupero, invece, ha regalato agli alessandrini un successo meritato e importante dal punto di vista della classifica. I ragazzi di mister Melchiori, infatti, hanno agganciato in classifica il Benarzole al decimo posto.

La BonBonAsca inizia subito forte e al 17’ i padroni di casa sono costretti a ricorrere alle cattive per fermare le sortite avversarie. A farne le spese è Toscano, che atterra Echimov lanciato a rete e viene quindi espulso. L’inferiorità numerica sembra non essere un problema per il Corneliano, che si rende pericoloso con Melle. Gli ospiti, però, difendono bene e cercano di pungere in contropiede. Il gol del vantaggio della BonBonAsca porta la firma di Pagano, bravo ad anticipare tutti su un calcio d’angolo di Lewandowski. La BonBonAsca è padrona del campo e negli ultimi 10’ si divora tre occasioni per raddoppiare: Echimov conclude alto da buona posizione, Massaro centra il portiere su assist di Fava mentre Cutra manca di pochissimo il tap-in dopo una respinta dell’estremo difensore locale. Nel secondo tempo il copione non cambia, con gli alessandrini che fanno la partita senza trovare la via del gol. A far risorgere i padroni di casa è un calcio di rigore che Melle trasforma, regalando ai suoi un pareggio del tutto insperato. La BonBonAsca, però, non ci sta e in pieno recupero è Zamburlin a trovare un bellissimo gol che vale tre punti d’oro.

I ragazzi di mister Melchiori salgono ora in decima posizione con 28 punti. Nella prossima giornata gli alessandrini ospiteranno il Saluzzo, terza forza del girone, ma reduce da una sorprendente sconfitta casalinga (1-2) per mano del Colline Alfieri.