FULVIUS – MONFERRATO 2-1

Marcatori: De Nitto (14′, rig.) e Canì (85′, rig.) – Casaletta (91′, rig.) Continua dopo il banner

adv-88

FULVIUS: Maniscalco, Cropano, Zuzzè, Lo Presti, Francescon F. (Canì), Reginato, Francescon M. (Lucattini), Orsini (Lo Nobile), Pinto, De Nitto, Cirillo. All.: Fabio Borlini.

MONFERRATO: Bacchin, Fontana, Tiozzo, Zuzzè, Pastorello (Vescovi), Cappellini, Bonsignore, Zocco Ramazzo, Andorno (Casaletta), Pavese, Valeri (Amisano). All.: Daniele Barile.

VALENZA – Nella semifinale dei play-off di Seconda Categoria girone M la Fulvius supera 2-1 il Monferrato in una gara caratterizzata da ben quattro rigori concessi, tre trasformati e uno parato dal portiere dei monferrini Bacchin. Davanti a una coloratissima cornice di pubblico, i ragazzi di mister Borlini sono stati bravi a pungere nei momenti giusti e poi a difendersi con ordine contro un Monferrato che non ha mai smesso di crederci, anche dopo il doppio svantaggio.

La partita si sblocca dopo 14 minuti, quando il monferrino Zuzzè atterra in area Cirillo: dagli undici metri calcia De Nitto, il portiere ospite intuisce ma non riesce a deviare e la Fulvius si porta in vantaggio. Due minuti dopo, i padroni di casa avrebbero l’opportunità di raddoppiare, nuovamente su calcio di rigore per un fallo di Tiozzo su Pinto, ma questa volta De Nitto calcia malamente e Bacchin para senza grossi problemi. Il pallone per pareggiare i conti capita sui piedi di Pastorello sugli sviluppi di un’uscita infelice di Maniscalco, ma il pallonetto del capitano del Monferrato termina alto sopra la traversa. La Fulvius fatica a uscire palla al piede, gli ospiti ne approfittano, ma senza creare grandi grattacapi alla retroguardia valenzana, guidata magistralmente dalla coppia Reginato-Cropano. I padroni di casa si rifanno vedere al 37^, ma la conclusione da fuori area di Orsini termina abbondantemente fuori. Le ultime due occasioni sono per il Monferrato, ma il muro difensivo valenzano non crolla e si va all’intervallo sull’1-0.

La ripresa si apre con un Cirillo scatenato: l’attaccante della Fulvius prima serve un pallone d’oro a Lo Presti, che non finalizza, poi chiama Bacchin al miracolo su un suo angolatissimo calcio di punizione e infine spreca sugli sviluppi di un’ottima discesa sulla fascia di Zuzzè. La risposta degli ospiti è affidata ad Andorno, che di testa sfiora la traversa. Intorno al 70^ inizia la girandola dei cambi: nella Fulvius Lo Nobile, Canì e Luccattini prendono il posto dei due Francescon e di Orsini, mentre nel Monferrato escono Pastorello, Andorno e Valeri per Vescovi, Casaletta e Amisano. Le mosse di entrambi gli allenatori si rivelano quasi immediatamente azzeccate: al 39^, infatti, Lucattini viene atterrato in area e dal dischetto Canì trasforma per il 2-0 valenzano. Nel recupero, invece, è il monferrino Casaletti ad accorciare le distanze, ancora una volta dagli undici metri (quarto rigore di giornata) per un fallo di Coprano su Zocco. Il finale di partita è incandescente. Al 93^ Pavese sfiora il clamoroso pareggio con un bellissimo destro a giro che si infrange sulla traversa, mentre al 95^ i giocatori del Moferrato chiedono a gran voce il quinto rigore per un fallo di mano di Reginato, ma l’arbitro sembra ritenere il braccio del difensore attaccato al corpo e non decreta la massima punizione. Le proteste degli ospiti non accennano a diminuire e a farne le spese sono Bonsignore (espulso per doppia ammonizione) e Tiozzo (espulsione diretta). Quest’ultimo nell’abbandonare il campo rivolge un gestaccio ai tifosi valenzani, scatenando il parapiglia in campo. Quando il gioco riprende, l’arbitro sancisce la fine del match, facendo partire la festa per la Fulvius.

I valenzani, quindi, passano il turno e si giocheranno la promozione in Prima Categoria in casa contro la Spinettese, vincitrice per 1-0 nell’altro scontro play-off in trasferta sul campo dello Stay ‘o Party.