TORTONA – Sono 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi dall’Italia a partire dal 2015. Come reso noto dal Viminale, tra le 70 persone rimpatriate dall’inizio dell’anno c’è anche un cittadino marocchino di 31 anni che era stato arrestato a inizio luglio dai Carabinieri di Tortona per il furto di un bus.

L’uomo nel 2016 aveva già attirato l’attenzione delle Forze dell’ordine per le sue turbe psichiche. Nel mese di aprile di quell’anno sempre i militari dell’Arma l’avevano intercettato mentre si proclamava seguace dello Stato Islamico. Autore di episodi episodi analoghi anche nel 2017, il cittadino marocchino era stato affidato al Centro d’Igiene Mentale di Tortona e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio. Continua dopo il banner

adv-397

Terminata poi la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, l’uomo lo scorso 29 luglio è stato accompagnato dal personale della Questura di Alessandria al C.P.R. di Torino e quindi rimpatriato per motivi di sicurezza nazionale.