ACQUI TERME –  Un ragazzo marocchino di 14 anni si è preso due denunce dai Carabinieri nel giro di due mesi. A giugno il giovane aveva rubato un cellulare di ultima generazione a un 17enne. Le indagini dei Carabinieri di Rivalta Bormida hanno permesso di risalire sia al 14enne, che dopo il furto aveva utilizzato il telefono per qualche giorno, sia a un 18enne acquese cui era stato poi dato l’apparecchio. Per quest’ultimo è scattata la denuncia per ricettazione. Nel secondo caso il 14enne, nei pressi della stazione dei pullman di Acqui Terme, vista una giovane con il portafoglio in mano, non aveva esitato a strapparglielo di dosso per poi darsi alla fuga. Le indagini dei militari di Spigno, grazie ai sistemi di videosorveglianza della zona e al riconoscimento effettuato dalla vittima, hanno permesso di risalire al giovane, denunciato nuovamente per furto con strappo.

  Continua dopo il banner

adv-162

Due giovani ovadesi di 17 e 13 anni invece sono stati denunciati perchè sorpresi dai militari ad imbrattare muri e ringhiere in via Capitano Oddone di Ovada. I controlli nella via erano scattati da diversi giorni, dopo le lamentele e le denunce di cittadini ovadesi stufi di trovare scritte e imbrattamenti sui muri.