ALESSANDRIA – L’Ufficio scolastico provinciale ha deciso di scendere in campo per la tutela dell’ambiente. Grazie alla collaborazione con docenti e ricercatori dell’Università del Piemonte Orientale e con il filosofo Luciano Valle del Centro di Etica Ambientale di Bergamo, gli insegnati delle scuole di ogni ordine e grado dell’Alessandrino e gli studenti delle superiori a marzo avranno la possibilità di partecipare a quattro seminari pensati per affiancare nozioni tecnico-scientifiche a conoscenze “filosofiche”. Il ciclo di incontri “Verso un nuovo umanesimo planetario” punta a sviluppare una “cultura della tutela dell’ambiente alla portata di tutti” ha spiegato il Dirigente dell’Ufficio Scolastico provinciale Franco Calcagno. Il pianeta e, senza pensare troppo in grande, il nostro territorio hanno bisogno di attenzioni e tutela “non perché lo dicono gli esperti”. Basta camminare in città per sentire il peso degli inquinanti sul nostro organismo, ha aggiunto il Provveditore che con i quattro seminari vuole sviluppare e diffondere una diversa sensibilità “umana” per creare una nuova cittadinanza consapevole.

Cornice di questo mirato progetto di educazione ambientale, realizzato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, saranno tre luoghi simbolo dell’apprendimento: il Disit di Alessandria, l’Istituto Volta, sempre nel capoluogo, e il Castello di Piovera, scelto come esempio di tutela storica e paesaggistica del nostro territorio.

L’Aula Magna del Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica dell’Università del Piemonte Orientale, in viale Teresa Michel 11, ospiterà in particolare il primo incontro in programma il 1° marzo dalle 15.30 alle 17.30. Relatori del seminario saranno il professor Domenico Osella dell’UPO che analizzerà il “l’esempio cromo” a Spinetta Marengo per illustrare la messa in sicurezza dei terreni contaminati da metalli pesanti e il collega dell’Università del Piemonte Orientale Guido Lingua con il suo intervento sui “fitorisanamento di suoli inquinati da metalli: le piante e i microrganismi associati come strumento di bonifica”.

La strada “Verso un nuovo umanesimo planetario” proseguirà poi il pomeriggio dell’8 marzo nell’Aula Magna dell’Itis Volta di Alessandria, in Spalto Marengo 42, con il seminario “Ecosistemi fluviali: conoscerli meglio per gestirli adeguatamente” del prof. Stefano Fenoglio dell’UPO, seguito dall’approfondimento della collega Elisa Gamalero incentrato su “La rizosfera e le interazioni tra piante e microrganismi”.

Il terzo appuntamento del 15 marzo, sempre in programma nell’Aula Magna del Volta dalle 15.30 alle 17.30, si soffermerà sugli “inquinanti emergenti” grazie all’intervento dei docenti dell’Upo Elisa Robotti ed Emilio Marengo e successivamente sui “processi di desertificazione” analizzati dal prof. Giancarlo Durando dell’ITAS Luparia di San Martino di Rosignano.

A concludere il percorso “Verso un nuovo umanesimo planetario” sarà il seminario del professor Luciano Valle del Centro di Etica Ambientale, in programma giovedì 22 marzo dalle 15.30 alle 17.30 nell’antica Officina del Castello di Piovera.

Per partecipare al ciclo di incontri formativi bisogna contattare l’Ufficio Scolastico Provinciale anche agli indirizzi mail [email protected] o [email protected]. Le iscrizioni resteranno aperte fino alla fine della settimana ma saranno comunque accettati anche “i ritardatari”.