CASTELNUOVO BORMIDA – L’autunno avanza e tornano a essere d’attualità le discussioni legate alle condizioni dei letti dei fiumi e dei corsi d’acqua in provincia. Sono spesso gli stessi cittadini a innescarle come accaduto a Castelnuovo Bormida dove un residente del paese ha scattato due foto per descrivere alle istituzioni le condizioni del ponte lungo la provinciale tra Cassine e Castelnuovo.Il letto del fiume Bormida è letteralmente invaso dalla vegetazione spiega il cittadino nella lettera – e una sola delle arcate del ponte è libera da ostacoli“.

La preoccupazione del cittadino è che “le acque bloccate dal ponte possano trovare sfogo contro la strada provinciale che fa da argine, scavalcarla e invadere la parte bassa del paese di Castelnuovo“. Interpellato su questo tema il sindaco, Giovanni Roggero, ha detto di essere in pieno accordo con il cittadino, già segnalato all’Aipo, Agenzia interregionale per il fiume Po. “Se non si interviene drasticamente – ha spiegato – si rischia di creare una sorta di diga tra arbusti e rami e in automatico il volume dell’acqua potrebbe aumentare a monte, provocando rischi per le zone vicine.” La vicenda, ha aggiunto il sindaco di Castelnuovo Bormida, era già stata segnalata: “Avevo fatto presente la situazione e si era provveduto al taglio degli arbusti che ostruiscono le arcate ma sarebbe stato meglio sradicare le piante per debellare il problema. Adesso cercheremo di chiedere nuove misure perché l’argine in difesa dell’abitato è in via di completamento e tuttavia alcuni problemi rimangono“.

La documentazione è stata inviata anche all’Aipo che in questi giorni visionerà la documentazione per dare una risposta al cittadino.