BOSIO – Dodici asini morti e altri ottanta in “pessime condizioni igienico-sanitarie“. Come riportato da Ansa, è questo lo scenario che si sono trovati davanti i carabinieri forestali in un allevamento al confine tra Liguria e Piemonte, finanziato con fondi Ue.

I militari sono intervenuti dopo la messa in onda di un servizio di Striscia la notizia e al termine del sopralluogo e dell’indagine hanno denunciato i due soci dell’azienda agricola con sede tra i comuni Bosio, in provincia di Alessandria e Ceranesi, in provincia di Genova, per malgoverno e detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e inosservanza di un provvedimento in materia d’igiene.

Durante il controllo nell’allevamento, i carabinieri, affiancati dal personale dell’Asl di Genova e di Alessandria hanno trovato diverse carcasse di asini, tra cui, come riporta sempre Ansa, anche quella di un animale morto da almeno due settimane dentro una pozza d’acqua.

adv-371