ALESSANDRIA – La scelta dell’amministrazione di Alessandria di abbattere le 50 robinie in piazzale Berlinguer per permettere l’installazione dell’impianto di illuminazione e videosorveglianza aveva provocato non poche polemiche.

“Per ogni albero tagliato ne sarà piantato almeno un altro in un’area da definire aveva replicato l’assessore ai Lavori Pubblici Giovanni Barosini. Dopo la riunione di oggi è ufficiale la piantumazione straordinaria di cento alberi in città. In molti casi, ha precisato l’amministrazione, si tratta di piante già sviluppate, con una circonferenza del tronco di 14/16 centimetri o di 20/25 centimetri. L’intervento sarà effettuato entro la metà di dicembre.

20 piante saranno collocate nell’area vicina a piazzale Berlinguer, circa 15 in via Genova a Spinetta Marengo, 10 nei pressi della scuola Morando, 10 vicino alla rotonda di “Paniate”, 10 nell’area cani nei pressi del “CentoGrigio”, 35 nell’area di via Nenni, con la creazione di un parco pubblico alberato.

A ottobre, ha ricordato Palazzo Rosso, la Regione Piemonte si era resa disponibile a fornire circa 2.500 piantine alte un metro. Il Comune ne ritirerà subito 250 che saranno collocate nei vasi e curate al Giardino Botanico Comunale, in vista di una loro futura piantumazione prevista tra un anno.

Le altre piantine fornite dalla Regione Piemonte saranno donate ai cittadini: gli interessati dovranno procedere con un preliminare avviso di manifestazione di interesse verso il Comune di Alessandria che preveda il ritiro delle stesse piantine il prossimo marzo. Le modalità saranno definite a breve dalla Giunta e comunicate.