2019

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Lasciato alle spalle il 2018, i sindaci dei centri zona e il Presidente della Provincia sono pronti ad affrontare i prossimi 12 mesi. Ecco alcuni dei progetti in cantiere in questo 2019 appena iniziato.

L’ultimo anno è stato davvero “complicato” per la Provincia di Alessandria. Palazzo Ghilini ha chiuso il 2018 con un segno meno sul bilancio ma fin dai primi giorni di questo 2019, ha garantito il Presidente Gianfranco Baldi, la Provincia lavorerà al piano di riequilibrio. Obiettivo del nuovo anno sarà poi quello di ricordare al Governo “l’importanza” delle Province e ottenere fondi in grado di assicurare i servizi per i cittadini che l’Ente è chiamato a garantire.

adv-228

Il 2019 sarà l’anno del decollo della città, questa l’espressione usata dal sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, per definire i nuovi 12 mesi del capoluogo. Sono tanti i progetti in cantiere per Alessandria, a cominciare dalla logistica, per arrivare all’avviamento dei lavori alla palazzina del comando della Cittadella e all’ex chiesa di San Francesco all’ex ospedale militare. Tra gli obiettivi anche il rilancio di Aral.

Soddisfatto dei primi risultati raccolti nel 2018, il sindaco di Acqui Terme Lorenzo Lucchini è pronto a buttarsi a capofitto nel nuovo anno. Sono tanti i progetti in cantiere per questo 2019 ma priorità dell’amministrazione, ha spiegato il primo cittadino, sarà trovare finalmente una soluzione per il rilancio della Terme di Acqui.

adv-967

Il 2018 è stato un anno ricco di lavoro ma anche di soddisfazioni per il sindaco di Casale. Nel 2019 la città monferrina sarà chiamata a eleggere il nuovo sindaco e per il momento Titti Palazzetti non si sbilancia su una eventuale ricandidatura. Il primo cittadino ora è focalizzato sui progetti per i primi mesi del nuovo anno, a partire dall’avvio dei lavori per la riqualificazione di Borgo Ala. Anche i prossimi mesi saranno poi dedicati alla bonifica. Ormai, ha spiegato Titti Palazzetti, “manca davvero poco per rendere Casale finalmente libera dall’amianto”.

La complicata crisi della Pernigotti e il futuro dei lavoratori dello storico stabilimento dolciario novese sono al centro dei pensieri del sindaco di Novi Ligure Rocchino Muliere. La speranza del primo cittadino è il 2019 apra finalmente il dialogo con la proprietà e una soluzione in grado di regalare “serenità” ai dipendenti della Pernigotti, ma anche a quelli dell’Iperdì e di tutte le altre realtà novesi in difficoltà.

Un po’ di “ottimismo” in più, sempre utile a superare i momenti difficili ma soprattutto “serenità”. Sono questi i due regali che il sindaco di Ovada, Paolo Lantero, spera porti il nuovo anno a tutti gli ovadesi. Il 2019 sarà l’anno delle elezioni amministrative e tra gli obiettivi del primo cittadino c’è, ovviamente, la riconferma a sindaco per completare nei prossimi 5 anni altri progetti importanti per la città a partire dalla semplificazione dei regolamenti comunali.

Gli ultimi 12 mesi non sono stati facili. Felice di lasciarsi alle spalle il 2018, il sindaco di Tortona Gianluca Bardone è pronto ad affrontare il nuovo anno e gli ultimi 5 mesi del suo mandato elettorale. Il 2019 sarà l’anno delle elezioni a Tortona ma Bardone, un po’ anche per scaramanzia, tiene la bocca cucita sulla sua ricandidatura. L’attenzione, ha spiegato, è focalizzata a concludere gli ultimi progetti del programma di mandato e dare avvio, a inizio primavera, ai lavori di difesa spondale che permetteranno di mettere in sicurezza prima la discarica e poi l’acquedotto di Tortona.

“Lavoro”. Il sindaco di Valenza, Gianluca Barbero, l’obiettivo del 2019 lo ripete come un mantra. I segnali positivi arrivati nell’ultimo anno e culminati con l’operazione per trasformare Expo Piemonte nella casa di Damiani rendono ottimista il primo cittadino valenzano. Dal punto di vista amministrativo Valenza è “un malato che sta guarendo” ma la città, ha spiegato il sindaco, sta finalmente vedendo segnali di ripresa sul fronte economico.