carabinieri_arresto

ACQUI TERME – Dopo aver infastidito alcuni clienti di un esercizio pubblico ad Acqui un cittadino marocchino di 36 anni ha poi minacciato i Carabinieri giunti sul posto con un taglierino cercando infine di opporre resistenza all’arresto. Tutto è successo giovedì sera quando il proprietario del locale ha chiesto aiuto ai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del NOR di Acqui Terme. I militari hanno provato a riportare alla ragione il 36enne, in probabile stato di ebbrezza, ma dopo aver insultato i militari ha cominciato a ferirsi con il cutter. A quel punto i Carabinieri hanno immobilizzato l’uomo, riportando lesioni, contusioni e distorsioni muscolari giudicate guaribili in alcuni giorni.

Per il marocchino è scattato l’arresto in flagranza di reato e, su disposizione del PM di turno, è stato condotto nella sua abitazione agli arresti domiciliari. Nella mattinata di venerdì, l’arresto, per minaccia, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, è stato convalidato e al marocchino è stata inflitta la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Acqui Terme con divieto di uscire dall’abitazione in orario notturno.