TORTONA – Tocca anche la provincia di Alessandria la storia di Prince Jerry, il 25enne nigeriano che lunedì si era gettato sotto un treno. Una decisione, spiegano oggi i media nazionali, assunta dopo che il giovane si era visto negare il permesso di soggiorno per motivi umanitari. È stato monsignor Giacomo Martino, responsabile Migrantes di Genova, a spiegarlo: “Uno dei nostri ragazzi di Multedo, dopo essere stato diniegato prima di Natale e scoprendo che non avrebbe potuto contare neppure sul permesso umanitario, annullato dal recente Decreto, si è tolto la vita buttandosi sotto un treno – ha spiegato don Martino.”

Non desidero in nessun modo che questo ragazzo e la sua triste storia vengano strumentalizzate per discorsi diversi da quelli di compassione per una vita stroncata e di un lungo sogno interrotto – ha aggiunto”. Arrivato a giugno 2016, Jerry faceva volontariato e continuava a studiare dopo essersi già laureato in Nigeria. Il funerale si terrà venerdì 1 febbraio alle 11.30 nella chiesa dell’Annunziata a Genova.