AGGIORNAMENTO SABATO 9 FEBBRAIO – Il 90enne trovato morto ad Arquata Scrivia in via Regonca sarebbe deceduto a causa di un stufa accesa per scaldare l’ambiente. L’apparecchio elettrico avrebbe infatti bruciato parte delle coperte sprigionando il fumo respirato dall’uomo e che ne avrebbe causato il decesso. Le indagini sono ancora in corso.

ARQUATA SCRIVIA – Un uomo di 90 anni è stato trovato senza vita nella sua casa di Arquata Scrivia, in via Regonca. Intorno alle 15.30 gli uomini del 118 e i Vigili del Fuoco sono intervenuti dopo che era stato segnalato un forte odore di fumo uscire dall’appartamento dell’anziano.

C.T. è stato rinvenuto nel letto. Vicino a lui una coperta era entrata in contatto con la stufa. Sul posto sono intervenuti anche i Carabinieri di Novi, impegnati a ricostruire quanto avvenuto.

Subito esclusa l’ipotesi di morte violenta, resta da stabilire se il decesso sia avvenuto per cause naturali o se sia stato causato dal fumo provocato dalla combustione della coperta. Su questo stanno indagando i militari di Novi Ligure.

L’uomo, di nazionalità italiana, viveva da solo.