Addio al casalese Maurizio Martinotti: portò nel mondo il folk piemontese
adv-236

CASALE – Nell’ultimo giorno dell’anno il mondo della musica monferrina perde uno dei suoi artisti più rappresentativi. Questo venerdì è infatti mancato Maurizio Martinotti, musicista e compositore casalese. Aveva 68 anni e da un paio di mesi era ricoverato all’Ospedale di Alessandria per una grave malattia. Lo aveva annunciato lui stesso sui social lo scorso 20 ottobre. Purtroppo, però, le sue condizioni si erano complicate negli ultimi giorni. 

Martinotti era un gran suonatore di ghironda: nel 1977 fondò insieme a Beppe Greppi “La Chapa Rusa”, un gruppo di musica folk piemontese, capace di suonare in tantissimi paesi d’Europa e del mondo: Francia, Belgio, Germania, Paesi Bassi, Danimarca, Svizzera, Inghilterra, Austria, Spagna, Portogallo, Finlandia, Stati Uniti, Canada. Vent’anni dopo, nel 1997, La Chapa Rusa si sciolse e Martinotti fondò i “Tendachent”.

“All’inizio eravamo, in un certo senso, “rivali”, poi siamo diventati amici. Ricordo un grande concerto nel 2003 quando suonammo insieme. Maurizio era un uomo colto, intelligente, estremamente competente, molto sensibile” il commosso ricordo a Radio Gold dell’amico e collega Enzo Conti, musicista de I Tre Martelli.

adv-765

Foto tratta dal profilo Facebook di Maurizio Martinotti