ALESSANDRIA – Il Cissaca, Consorzio dei servizi socio assistenziali dell’alessandrino, ha deciso di ridurre i consumi di energia elettrica puntando sulle fonti rinnovabili. Recentemente è stata aperta la procedura per l’affidamento del servizio di risparmio energetico dell’illuminazione artificiale della sede in Via Galimberti 2/A, del Centro Diurno Disabili e della Piscina di Via Don Stornini.

Il Cissaca nel 2016 ha consumato per 144 mila kWh per accendendere 310 punti luce e gli altri apparati elettrici utilizzati e 30 mila euro è il costo annuo da abbattere per diventare più “leggeri”. Continua dopo il banner

adv-839

Alcune ditte hanno già aderito alla manifestazione di interesse e hanno risposto all’appello. A  fine mese scadrà il bando di gara e in estate il consorzio potrà quindi dotarsi di una illuminazione intelligente e meno onerosa. Tutte le informazioni sono presenti sul sito web www.cissaca.it.

Certo che la migliore fonte di energia rinnovabile è il risparmio energetico, e forte delle nuove tecnologie Led attualmente a disposizione, il Cissaca è deciso – nel suo piccolo – a dare un contributo al risparmio energetico e al benessere del Pianeta, con nuovi apparecchi che sono in grado di risparmiare fino al 90% rispetto al passato, garantendo inoltre una migliore illuminazione per il benessere dei lavoratori e un ambiente migliore per chi, per tante ore, lavora in condizione di luce artificiale.

Da anni, complice la nostra difficile situazione economica – ha sottolineato il presidente del Cissaca Mauro Buzzi – cerchiamo di razionalizzare le nostre spese di funzionamento per destinare le nostre risorse il più possibile all’erogazione di servizi. L’abbiamo fatto con il progetto “carta zero”, con la revisione delle procedure interne, ora aggrediamo la spesa per le utenze. Ogni singolo euro risparmiato vogliamo sia messo a disposizione degli anziani, dei minori, dei disabili, delle famiglie in difficoltà. Di tutti quelli che – insomma – il Cissaca cerca di aiutare. Ancor meglio se questo si coniuga con il nostro contributo alla salvaguardia dell’ambiente che ci circonda“.