NOVI LIGURE – Nell’ambito di un servizio di controllo del territorio i Carabinieri di Novi Ligure, insieme ai colleghi del Nucleo Antisofisticazione Alimentare e del Nucleo Ispettorato del lavoro di Alessandria e di Asti hanno scoperto quattro lavoratori italiani tra i 30 e i 40 anni senza un regolare contratto, tutti italiani, impiegati in una pizzeria in corso Marenco. In tutto il titolare dovrà pagare circa 14 mila euro di multa.

I militari hanno anche riscontrato la mancata osservanza delle norme igieniche, oltre a un cattivo stato di conservazione degli alimenti. Per questo è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Alessandria. I Nas hanno così sequestrato tutto il cibo a rischio per le opportune verifiche. Continua dopo il banner

adv-878

I Carabinieri hanno poi disposto la chiusura della pizzeria fino alla regolarizzazione dei quattro dipendenti, con un contratto a tempo determinato per almeno tre mesi o a tempo indeterminato. L’attività è ricominciata questo lunedì.

Nell’ambito dello stesso servizio coordinato i militari di Novi Ligure hanno denunciato un 64enne di origini calabresi, trovato in possesso di un coltello di 9 centimetri. L’uomo è stato anche segnalato alla Prefettura perché trovato in possesso di un involucro di eroina.

I Carabinieri di Capriata d’Orba hanno denunciato anche un 32enne ecuadoriano, residente ad Ovada, trovato alla guida in stato di ebbrezza. L’uomo, con diversi precedenti, aveva già avuto una condanna per lo stesso reato nel 2013 e da poco aveva ripreso la patente di guida, che gli è stata ritirata dai militari. Stessa sanzione per un 23enne di Novi Ligure, anche lui denunciato.

Foto di repertorio.