PROVINCIA DI ALESSANDRIA – È partita da due controlli “su strada” l’indagine della Polstrada di Alessandria e della sottosezione di Ovada che ha permesso di smascherare due agenzie assicurative che operavano abusivamente sulla rete. Fatta una verifica sul contratto Rca di due vetture gli agenti si sono accorti che quelle assicurazioni non risultavano nella banca dati A.N.I.A.

In entrambi i casi gli automobilisti, perplessi, hanno fornito la stessa versione: avevano assicurato la propria vettura online scegliendo, tra le varie offerte, la proposta più vantaggiosa, specie riguardo alla dilazione dei pagamenti. Continua dopo il banner

adv-595

Grazie alla dettagliata querela dei due automobilisti, gli agenti della Polstrada hanno effettuato ulteriori accurati accertamenti presso l’I.V.ASS, l’ente che autorizza l’esercizio dell’attività assicurativa e vigila sul rispetto del norme di settore, scoprendo così che entrambe le compagnie erano abusive e di conseguenza i veicoli scoperti per la responsabilità civile derivante da incidente.

Un bel rischio per gli inconsapevoli automobilisti che, nel caso  fossero incorsi in un sinistro, si sarebbero ritrovati a dover affrontare le spese risarcitorie, spesso altissime, senza poter contare su alcuna assicurazione.

La vigilanza dell’I.V.ASS. nel settore delle assicurazioni ha fatto emergere numerosi casi analoghi che riguardano la proposta di assicurazioni, specie a breve termine, su intenet da parte di operatori truffaldini.

Sul sito www.ivass.it sono disponibili tutti i consigli per evitare di incorrere nella truffa in quanto, spesso, dietro ad una offerta conveniente, si cela l’insidia che porta poi il consumatore a mettere mano al portafoglio due volte.

Le indagini mirano ora ad individuare tutti i clienti delle false agenzie nonché gli autori del raggiro, al fine di far cessare l’attività criminosa e contrastare il crescente fenomeno di veicoli che circolano senza Rca.