VALENZA – Forza Italia a Valenza presenterà un ordine del giorno per “esprimere piena contrarietà” alla scelta avallata dalla Regione di accorpare il presidio ospedaliero di Alessandria con l’ASL AL e rilanciare il dibattito sull’Ospedale ex Mauriziano. “Siamo determinati a mantenere viva l’attenzione su un tema importante come la Sanità locale – ha spiegato Alessandro Deangelis, Coordinatore FI Valenza. Questo perché, al netto dei silenzi dell’Amministrazione Comunale, siamo fortemente preoccupati di quello che sarà il futuro dei servizi sanitari nel nostro Centro Zona, nonché della sorte dell’Ospedale di Alessandria, da cui dobbiamo comunque dipendere, dopo anni di forte depotenziamento dell’ex Mauriziano, voluto in particolare dal Centro Sinistra in Regione. Quella stessa area politica che, oggi con Saitta e Chiamparino, vuole ’spacchettare’, da un lato, i servizi in giro per la Città, preventivando spese di ristrutturazione di locali dai mq insufficienti a ospitare i medesimi e, dall’altro, si dimostra incapace di esprimere una progettualità a tutto tondo per Valenza e una visione d’insieme in termini di politiche di settore“.

Nel documento Forza Italia “chiede al Sindaco e alla Giunta, sulla scorta di quanto proposto in altri Consigli Comunali del circondario ( si pensi ad Alessandria e a Casale; anche se altre assemblee municipali perseguiranno la stessa iniziativa), di esprimere piena contrarietà all’accorpamento tra ASL AL e ASO AL (l’ospedale di Alessandria) in tutte le sedi competente. Questo perché tale unione non avrebbe altro effetto di produrre risparmi irrilevanti, a fronte di un costo in termini sociali molto più alti che i cittadini si troverebbero a pagare per la dilatazione dei tempi di attesa, con ovvi riflessi negativi per la loro salute, così come per i lavoratori delle due aziende che parimenti vedrebbero di certo ridotta la qualità e l’organizzazione del lavoro“.
Il partito di Deangelis contesta il mancato coinvolgimento della politica locale e della cittadinanza, nonché senza una progettualità omogenea per tutto il PiemonteForza Italia inoltre reclama “una presa di posizione chiara e netta da parte del Sindaco perché si dia corso in maniera efficace agli indirizzi votati dal Consiglio Comunale nella seduta del febbraio 2017 e perché si coinvolgano le famiglie valenzane in un Consiglio Comunale ‘aperto’, alla presenza dell’Assessore Regionale e del Consigliere Ravetti, così come da noi molte volte richiesto, e di cui la Presidenza dell’Assemblea Civica si era fatta garante, purtroppo senza che vi sia stata a oggi alcuna conseguenza pratica“.