ALESSANDRIA – Prosegue il dialogo tra l’amministrazione di Alessandria e Metropark, la società satellite di Ferrovie dello Stato proprietaria dell’area vicino allo scalo ferroviario della città,  intenzionata a valorizzare l’intera area, ormai abbandonata. Durante l’ultima Commissione Bilancio il vicesindaco di Alessandria Davide Buzzi Langhi ha annunciato che l’ente e la società hanno aperto un dialogo per poter costruire una sorta di stazione per gli autobus vicino al parcheggio a pagamento, nella zona ormai chiusa al transito dove da tempo proliferano solo erbacce e rami secchi.

“Si chiama Movicentro” ha sottolineato Davide Buzzi Langhiin quella zona transitano tanti bus e pullman, partendo da viale Repubblica o piazza Garibaldi e, negli ultimi tempi anche le corriere di Flixbus. Se riuscissimo a raggrupparli tutti in un’unica sede il traffico della zona migliorerebbe. Sarebbe importante riuscire a fare un po’ d’ordine grazie a un luogo dove far convogliare tutti i bus.”

Un progetto ancora agli albori, ha precisato il membro della Giunta Cuttica, ma ci sono le premesse per approfondire: “Una parte del Movicentro dovrebbe essere ovviamente finanziata da Ferrovie dello Stato. Abbiamo aperto un dialogo e iniziato un percorso che non sarà immediato ma, a forza di sollecitazioni, qualcosa da Roma si è mosso. Le cifre? Per ora non se n’è parlato ma servirebbe coinvolgere più realtà. Ora occorrerà verificare la concretizzazione di uno studio di fattibilità.”

Nel frattempo Metropark ha già stabilito degli interventi di riqualificazione del parcheggio a pagamento, attraverso l’installazione di una segnaletica per renderlo più fruibile e evidente.