terzo_valico_toninelli
adv-653

PROVINCIA – “Il Terzo Valico non può che andare avanti. In un lungo post sulla sua pagina Facebook il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha esplicitato il risultato dell’analisi costi benefici sulla grande opera che transiterà anche in provincia di Alessandria. Il Governo Conte, quindi, non interromperà i lavori di un’opera che lo stesso ministro ha definito “complessa e molto onerosa (…) uno dei tanti dossier avvelenati che ci hanno lasciato i professionisti della politica, ma che abbiamo affrontato senza pregiudizi”. 

Complessivamente il Terzo Valico costa 6,2 miliardi, di cui 1,5 miliardi già spesi” ha spiegato Toninelli “Quattro lotti su sei sono in corso di costruzione. Il primo lotto è vicino al 90%, gli altri dal 60% al 20%. Per il quinto lotto i lavori non sono partiti, il sesto deve invece essere ancora finanziato”.

Il costo dell’opera a finire, attualizzato a 30 anni, supererebbe i benefici per una cifra di 1 miliardo e 576 milioni” ha sottolineato il ministro. Ma, in caso di no al Terzo Valico, all’1.5 miliardi già spesi si aggiungerebbero 1 miliardo derivante da un eventuale recesso contrattuale unilaterale e 200 milioni di costi per il ripristino dei luoghi“.

Nel sollecitare il fatto che il “Terzo Valico diventi una infrastruttura utile dal punto di vista logistico e adatta a migliorare anche il servizio regionale sulla tratta parallela” il ministro Toninelli ha esplicitato anche la necessità di “rendere pienamente operativo lo snodo retroportuale di Alessandria che peraltro insiste su un’area di proprietà di Rfi e Mercitalia. Alessandria deve essere e sarà il retroporto naturale di Genova perché ha tutte le caratteristiche per diventarlo”.