sottosegretario_giustizia
adv-466

ALESSANDRIA – Martedì pomeriggio il sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco ha accolto a Palazzo Comunale il Sottosegretario di Stato alla Giustizia Jacopo Morrone per una breve visita di carattere istituzionale.

Nel corso della giornata il Sottosegretario Morrone ha visitato il Carcere di San Michele e il Cantiello e Gaeta, in piazza Don Soria di Alessandria. Durante l’incontro con il Sindaco, il Sottosegretario ha avuto modo di confrontarsi sulle peculiarità, sugli aspetti positivi e sulle criticità dei due carceri alessandrini, senza dimenticare la questione legata all’organico e all’esigenza di dotare le due strutture carcerarie di personale numericamente idoneo a svolgere al meglio il servizio nei confronti della popolazione carceraria: un servizio che deve rimanere coerente non solo alla dimensione della doverosa espiazione della pena, ma anche a quella di offrire opportunità di rieducazione e reinserimento dei detenuti nel contesto della società civile.

“Ringrazio il Sottosegretario Morrone” ha dichiarato Gianfranco Cuttica di Revigliascoper la sua presenza ad Alessandria e per lo spirito, l’attenzione e la sensibilità istituzionale con cui ha approfondito la realtà carceraria della nostra Città. Insieme a lui, abbiamo condiviso un’idea complessiva e un comune obiettivo che porti a gestire al meglio i due carceri, nella consapevolezza del significato inequivocabile di “pena” e, al contempo, di quello socialmente e culturalmente altrettanto fondamentale di rieducazione dei detenuti e di loro reinserimento nella società”.

adv-27

“Particolarmente importante è stato infine l’approfondimento che abbiamo fatto relativamente al problema del Tribunale di Alessandria e alla possibilità di pervenire al più presto alla soluzione dei problemi di carattere organizzativo-logistico, derivanti da quanto disposto nel 2013 con l’accorpamento presso il Palazzo di Giustizia della nostra Città dei Tribunali di Alessandria, Acqui Terme, Tortona e sede distaccata di Novi Ligure”.