uil pari opportunità
adv-427

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – “Il carico delle donne“. Rispetto all’emergenza coronavirus il Coordinamento Pari Opportunità e Uil Diritti Alessandria ha espresso tutta la sua preoccupazione “sullo stato psicologico delle donne e madri”. 

Non c’è stato giorno in questi ultimi due mesi di lockdown in cui non sia stato chiaro che la categoria più provata dai nuovi ritmi di vita e dai cambiamenti sia stata quelle delle donne.

Ciò non ha nulla a che fare con il fatto che le donne non sappiamo adattarsi ai cambiamenti, anzi sappiamo che questo è un talento di genere, ma i già molteplici ruoli esercitati quotidianamente dalle donne, mamme, moglie, lavoratrici dipendenti o libere professioniste ora sono diventati un carico ancora più ingombrante. Questa situazione ha evidenziato inesorabilmente come la nostra società releghi ancora e in modo anacronistico quasi esclusivamente solo la donna alla gestione della vita familiare e questo aspetto è rafforzato dal fatto che il mondo del lavoro è ancora basato su rigide regole che non consentono il giusto coinvolgimento di entrambi i genitori nella gestione di tutte le attività.

adv-817

Un studio pubblicato su Lavoce.info da Alessandra Casarico, professoressa di Scienza delle finanze all’Università Bocconi, e Salvatore Lattanzio che sta svolgendo un dottorato di ricerca in Economia all’Università di Cambridge ha dimostrato che a rientrare al lavoro sono per il 72,4% uomini, questo significa donne a casa!

Il rischio è che a pagare questa crisi non solo sanitaria, ma anche sociale siano in modo particolare le donne, costrette a rinunciare al rientro al lavoro perché semplicemente sole e impossibilitate a trovare soluzioni per la gestione dei bambini.

“Venendo a mancare causa forza maggiore i luoghi e le figure di riferimento a sostegno dell’educazione e nell’istruzione dei figli come la scuola, l’asilo, le attività sportive e ricreative, le donne hanno dovuto continuare a fare andare bene le cose, in piena pandemia, svolgendo tutti i loro ruoli dentro casa, destreggiandosi tra lo smartworking, quando concesso, l’homeschooling, l’intrattenimento dei bambini confinati spesso nello spazio di un appartamento e senza possibilità di delega a nonni, baby sitter o altro” ha detto Adele Di Meo, Coordinatrice Pari Opportunità UIL Alessandria.

adv-226

In questi ultimi due mesi sono state introdotte dal Governo nuove misure a sostegno delle famiglie che hanno come scopo quello di agevolare la vita pratica ed economica, ma molto spesso ci siamo trovati a districarci tra la burocrazia e scelta del provvedimento che potesse penalizzare di meno chi, in questo momento delicato, avrebbe bisogno di un aiuto concreto. Pensiamo, ad esempio, che il congedo parentale prevede una decurtazione dello stipendio del 50% e spesso questa scelta richiede grossi sacrifici.

“Se nelle scorse settimane per un attimo avevamo letto, e forse anche sperato, che la ripresa sarebbe potuta passare proprio dalle donne, risultate anche clinicamente più resistenti al virus, questa speranza sembra ormai svanita. L’accudimento degli altri, figli e genitori anziani, mette in crisi libertà, autonomia, reddito e mette in dubbio il rientro seppur graduale al lavoro” ha detto Serena Piscitello, Coordinatrice UIL Diritti Alessandria Chiediamo, dopo aver raccolto moltissime testimonianze di donne, che vengano attuate soluzioni ai problemi sempre nel rispetto della sicurezza e, a pochi giorni dalla festa della mamma, si focalizzi l’attenzione sulla scarsità di misure e progetti che possano alleggerire il carico delle donne”.

Le donne escono da quasi due mesi di lockdown totalmente esauste e preoccupate per il presente e i mesi a venire, per la gestione delle attività quotidiane, con la paura di dover rinunciare al loro lavoro fuori casa e quindi all’autonomia, anche finanziaria. Una riflessione va fatta anche su questo, visto che il lockdown non ha visto la diminuzione di casi di violenza domestica e anzi ha visto peggiorare ulteriormente la situazione facendo scattare aggressioni più frequenti o violente, arrivando fino all’omicidio”.