TORTONA – Dopo Spizzichini Bertram Derthona si dimostra sempre più scatenato sul mercato. La società bianconera ha formalizzato l’ingaggio di Klaudio Ndoja. Ala di 201 cm, il “Gladiatore” rafforzerà con la sua esperienza la squadra di coach Lorenzo Pansa.

Nelle ultime due stagioni ha militato nella Virtus Bologna e con le V nere ha conquistato la promozione in serie A grazie a una media di 10.5 punti, 5.07 rimbalzi e il 52% nel tiro da tre punti. In serie A ha sfiorato i playoff chiudendo la stagione regolare a 5.2 punti, 2.2 rimbalzi, tirando con il 57.6% da due e il 37.7% da tre.

Mi sento molto motivato, la società è giovane e con grandi ambizioni, e sono proprio queste ambizioni che mi hanno spinto a scegliere Tortona” ha detto Ndoja “Non sono uno a cui piace fare grandi proclami prima ancora di cominciare la stagione, penso che il campo come sempre parlerà per noi. Colgo l’occasione per ringraziare chi ha pensato a me per questo progetto ambizioso.”

“Siamo molto contenti del suo arrivo, Ndoja è sempre stata una prima scelta, il primo tassello da cui è iniziato il nostro mercato” ha detto il presidente Roberto TavaSi tratta di un giocatore con tanta esperienza, personalità, dotato di un’ottima tecnica individuale: per questo abbiamo ritenuto che le sue abilità – offensive e difensive – potessero rinforzare il nostro reparto lunghi anche sotto quell’aspetto. Si è fatto apprezzare ovunque abbia giocato grazie alla costanza e alla qualità del suo gioco, aspetti che rappresentano un biglietto da visita importante. Potendo contare anche su una buona esperienza in Serie A, si tratta di un giocatore che ci può consentire di fare quel passo di avvicinamento alle posizioni di vertice a cui ambiremo per la prossima stagione.”

Ndoja è nato in Albania 33 anni fa ed è cresciuto nelle giovanili dello Scutari Basket, sotto la guida di coach Korab Llanzani, poi del Vllaznia Scutari. Nel 1998 arriva in Italia e la sua storia ispira il libro “La Morte è certa, la Vita no”. Trova stabilità con il suo nucleo familiare in Lombardia, dove avràla possibilità di sviluppare il suo talento grazie allo sport. Dopo un inizio nel campionato Csi, passa all’Aurora Desio nel 2002/2003, a Casalpusterlengo tra il 2003 e il 2005, a Sant’Antimo l’anno successivo e a Borgomanero nel 2006/2007. Alla fine di questa stagione, viene ingaggiato dalla Pierrel Capo d’Orlando, in Serie A. Una stagione, la prima nella massima serie, con 11 minuti e 3.7 punti di media a partita, poi il passaggio a Scafati, dove nella stagione 2008/2009 gioca nell’allora Legadue raggiungendo i playoff.

Si conferma specialista della categoria negli anni successivi, prima all’Aurora Basket Jesi (2009/2010), poi al Basket Club Ferrara (2010/2011), quindi prendendo parte, da capitano, alla storica promozione in Serie A di Brindisi nel 2011/2012, conquistata nella finale dei playoff contro Pistoia, in un’annata che porta la società pugliese anche alla conquista della Coppa Italia di Legadue. Nel 2012/2013 riapproda così alla massima serie, dove con l’Enel Brindisi viaggia alla media di 17.5 minuti e 6.5 punti a partita, conquistando una tranquilla salvezza e percentuali importanti nel tiro da tre (36 su 79, col 45.6%).

Nel 2013/2014 è ancora Serie A con la Vanoli Cremona: altra salvezza senza patemi con un rullino di marcia da 23.5 minuti, 5.5 punti e 4.7 rimbalzi a partita. Nella stagione 2014/2015 sceglie una A2 Gold di primo piano con la Tezenis Verona, e viene ripagato con una stagione da 11.1 punti, 5.6 rimbalzi, 1.5 assist a gara, conquistando con la nuova maglia la Coppa Italia di categoria. Nella stagione 2015/2016 ha indossato la canotta della Dinamica Mantova nel campionato di Serie A2 Est: 32 minuti, 12.6 punti, 5.3 rimbalzi e 1.8 assist le medie/gara.

Nell’estate del 2012 Ndoja è stato convocato dalla Nazionale maggiore albanese ed ha partecipato alle qualificazioni per l’Europeo di basket del 2013.