Pinkins_Verona
adv-900

VERONA – Ha sfiorato il colpaccio ma alla fine il fattore campo non è stato ribaltato. La Novipiù Junior Casale ha perso 78-76 contro Tezenis Verona in gara 1 dei playoff della serie A2. I ragazzi di coach Ferrari hanno chiuso in vantaggio il primo quarto e poi tentato la rimonta nell’ultimo ma alla fine si sono arresi agli scaligeri. Non sono bastati i 20 punti di Musso e i 15 di Pinkins. Martedì, sempre a Verona, si torna in campo per gara 2, alle 20.45.

C’è rammarico perché le Serie possono essere decise da episodi e il fatto di perdere così, come anche vincerla così, fa molta differenza” ha detto a fine gara coach Mattia FerrariCome ho detto alla squadra in spogliatoio non abbiamo tempo di essere tristi o di rammaricarci perchè tra 48 ore siamo in campo e abbiamo un giorno e mezzo per ricompattarci e giocare una partita che sia, parlando di squadra, almeno dello stesso tenore mentale. Siamo stati bravi a non disunirci, a recuperare e portare la partita all’ultimo possesso. Da un lato non mi piacciono gli 11 rimbalzi offensivi concessi a Verona, e nelle situazioni di uno contro uno con Amato e Ferguson dobbiamo provare un po’ ad ostacolarli: dall’altro lato mi è piaciuto che la squadra abbia provato a rispettare fino in fondo il piano partita, provando a giocare una partita vera. Se guardiamo gli episodi singoli possiamo parlare ore, l’insieme mi lascia soddisfatto per aver giocato un buona gara: adesso viene la parte difficile, perchè tra 48 ore dobbiamo fare una partita simile aggiungendo però qualcosina”.

La cronaca della partita tratta dal sito della Junior

Le triple di Denegri e Pinkins aprono la partita, mentre dall’altra parte ci pensa Amato a segnare dai 6.75 metri: Martinoni risponde presente dalla media distanza andando a segno per il 3-10. La difesa rossoblu è fin da subito un muro e al nuovo canestro di Denegri è time out per coach Dalmonte; Poletti vince un viaggio in lunetta (2/2), ma la risposta di Cesana non tarda ad arrivare (6-14). La Tezenis prova a ricucire il gap con Poletti, ma Pinkins ci mette tutti i suoi muscoli sotto le plance e trova ancora il fondo della retina: nell’altra metà campo sono ancora tiri liberi per i padroni di casa, con il 2/2 di Amato che trova poi la tripla del 12-16. Pinkins prova a trascinare i suoi, ma dall’altra parte c’è Poletti che non perdona e trova il canestro dalla lunga distanza, portando coach Ferrari a richiamare i suoi in panchina: il ritmo della gara si alza con Ferguson e Valentini che si rispondono a vicenda dall’arco. Si aggiunge nuovamente anche Amato, che chiude il primo quarto 21-23.

Udom e Musso danno il via al secondo periodo, con Verona che vuole a tutti i costi impattare la gara e lo fa sul 25-25: Italiano mostra i muscoli a rimbalzo, ma è ancora Udom a muovere la retina della formazione Scaligera, mentre la Novipiù litiga con il ferro (26-25). E’ Musso a sbloccare i suoi, ma la tripla di Vujacic infiamma tutto l’AGSM Forum: ci pensa ancora Musso a rispondere con la stessa moneta, ma Poletti firma il nuovo sorpasso (31-30). Udom continua a muovere la propria retina e coach Ferrari chiama immediatamente timeout: al rientro è ancora Verona a fare punti per mano di Amato, mentre la Novipiù prova a rispondere con Pinkins per il 35-32. La tripla allo scadere di Vujacic aumenta il vantaggio dei padroni di casa, ma per la Junior c’è già pronto Musso sulla linea della carità (2/2); Udom e Pinkins si rispondono a vicenda ma è la tripla di Severini a mandare le squadre all’intervallo sul 43-36.

Il terzo periodo si apre con Pepper (1/2) e Poletti (1/2) in lunetta: Amato ha le mani bollenti dalla lunga distanza, ma dall’altra parte ci sono Denegri e Martinoni che trovano il fondo della retina rispettivamente dalla media e lunga distanza (47-44). Pinkins cattura rimbalzi su rimbalzi e Cesana sigla il -1 rossoblu, ma dall’altra parte Poletti non è da meno nonostante la difesa dei rossoblu cerchi di non lasciare libero un solo centimetro di campo; Verona prova nuovamente ad allungare con Udom (53-46) e coach Ferrari ferma il gioco. Pinkins prova a scuotere i suoi e poco dopo risponde a Poletti con una tripla siderale, ma Verona si fa sempre più aggressiva e Amato va a segno a gioco fermo (2/2) per il 59-51; i padroni di casa trovano altri due punti con Ferguson mentre anche Musso è chirurgico dalla lunetta. Valentini sigla il 61-55 mentre Battistini trova il canestro che chiude il terzo periodo 61-57.

La tripla di Ferguson e il canestro di Battistini inaugurano l’ultimo periodo con le due squadre che tengono alto il ritmo della partita ed è ancora Battistini a realizzare la tripla del 64-62: Candussi e Martinoni si rispondono a vicenda. La Tezenis si affida ancora a Ferguson e Poletti (71-64), mentre Casale litiga con il ferro: Pepper prova a sbloccare la situazione, ma Udom e Ferguson non ci stanno e sul 76-66 è nuovamente timeout per la Novipiù. Martinoni e Pepper si fanno vedere a rimbalzo ed è poi Pepper a concludere trovando il fondo della retina: i rossoblu non demordono e dopo due difese Musso trova la tripla del 76-73 a 27” dalla fine. Timeout per la Tezenis: al rientro Ferguson va in lunetta (1/2) e Verona difende a tutto campo con Musso che gonfia la retina per il 77-76. Vujacic realizza solo uno dei liberi a disposizione, ma i tiri della Novipiù non vanno e la Tezenis Verona si aggiudica la vittoria 78-76.