CASALE – Mille emozioni ma, alla fine, l’ultima è il rammarico. La Virtus Bologna si è infatti imposta 82-79 sulla Novipiù Junior Casale, tornando di nuovo a condurre gli ottavi dei playoff di serie A2. Domenica si replica con gara 4 e per Martinoni e compagni sarà un match senza ritorno. Palla a due alle 18, sempre al PalaFerraris.

I rossoblu hanno resistito alle V nere, in un match giocato sul filo dell’equilibrio. Per la Junior non sono bastati i 18 punti di Tolbert, i 21 di Tomassini. In doppia anche Natali a 11 e Blizzard a 16. Continua dopo il banner

adv-221

Complimenti alla Virtus per aver vinto una partita che è stata difficile per noi” ha detto a fine gara coach Marco Ramondino “La loro capacità di entrare in area, fare buoni canestri da sotto con Lawson e Michelori ha fatto che la nostra area diventasse loro terra di conquista. Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio: anche se ci sono stati errori il livello di intensità era alto. E’ stata una partita decisa da alcuni episodi che non ci hanno permesso di arrivare a contatto negli ultimi minuti e ci siamo trovati sempre a rincorrere. Arrivare a giocare per la terza volta consecutiva punto a punto, comunque, deve essere un punto di forza per Gara 4. Faccio però i complimenti anche ai miei giocatori per come si sono comportati”.

La cronaca della partita tratta dal sito della Junior

 

Natali e Spissu aprono la partita: il ritmo è già altissimo, con la Virtus che si porta subito sul 2-6 con Rosselli. Denegri infiamma la retina, mentre dall’altra parte Lawson porta punti ai suoi dalla lunetta; la Novipiù mette fieno in cascina anche con Tomassini e Tolbert fa la voce grossa sotto canestro (10-10). La Virtus ha difficoltà a trovare la strada del canestro, solo la tripla di Rosselli interrompe la carestia delle Vu Nere dopo che anche Blizzard ha armato il braccio: Gentile e Michelori tentano l’allungo (12-17), ma è il solito Blizzard che dall’arco tiene i suoi a contatto. Severini dalla lunetta impatta e chiude il quarto 17-17.

La tripla di Spizzichini inaugura il secondo quarto ma anche Di Bella risponde presente e la Junior rimane a un solo possesso di distacco (19-22). La Virtus prova ancora una volta a spingere sull’acceleratore con Michelori, ma ci pensa Martinoni a dare un’ulteriore scossa ai suoi; Spizzichini e Umeh però non ci stanno e portano le Vu Nere sul 21-30 obbligando coach Ramondino al timeout. Casale cerca di ricucire il gap con Natali e Tomassini che insaccano dalla lunga distanza (27-35), ma Lawson è chirurgico dalla lunetta e continua così a macinare punti seguito da Umeh; è ancora Tomassini dai 6.75 a richiamare all’appello i suoi che rispondono presente con Tolbert (35-41). A Umeh risponde prontamente il solito Tomassini, mentre il gioco da 4 punti di Blizzard manda in visibilio il PalaFerraris e sancisce il 44-48 dell’intervallo.

Il terzo quarto inizia con il canestro di Spissu e con la tripla di Natali che riporta la Novipiù sul -3 (47-50), ma è Lawson a tornare a far muovere la retina della Virtus. Tomassini e Spissu si rispondono a vicenda, ma Casale ha difficoltà a superare il muro difensivo eretto da Bologna e Umeh porta i suoi sul 49-57; ci pensa Martinoni a realizzare dalla media ma Ndoja punisce i rossoblu dalla lunetta. La Novipiù si carica e le triple di Severini e Tomassini infiammano la retina mentre adesso è la Virtus a scontrarsi contro il muro dei casalesi e il quarto si chiude così sul 57-61.

La doppia tripla di Gentile inaugura l’ultimo periodo di gioco e obbliga subito coach Ramondino al timeout: al rientro i rossoblu provano ad ingranare la marcia con Tolbert ma Spizzichini tiene la Virtus sul 59-71. Anche Blizzard prova a scuotere i suoi con una tripla e la schiacciata di Tolbert fa capire che la Novipiù non ha intenzione di smettere di lottare: sotto canestro si combatte a viso aperto e Blizzard e Tolbert accorciano ancora sul 70-73 e coach Ramagli richiama i suoi. E’ ancora la Virtus ad andare a segno con Umeh ma la risposta di Blizzard non si fa attendere: le squadre sono agguerrite ma Casale non riesce a segnare e si continua a essere sul 72-76. Umeh realizza solo uno dei liberi a disposizione e Natali insacca dall’arco: il finale è incandescente, Spissu dalla lunetta, Tomassini da tre punti e ancora Michelori dalla lunetta ed è 78-81 a 4″ dal termine. Ancora un viaggio in lunetta per squadra e alla fine è la Virtus ad avere la meglio 79-82.