Un’imprecisa Casale cede il passo alla Manital 63-70

Tra le mura amiche del PalaFerraris una brutta quanto imprecisa Junior Casale Monferrato ha ceduto il passo alla Manital Torino. A nulla è servito per vincere la partita la grande vena realizzativa di Jackson autore di 15 punti e 3 assist. Torino ha interpretato indubbiamente meglio una partita che per la Novipiù sapeva di ultima chance playoff. Wojciechowski e Steele sono stati i killer della squadra di coach Griccioli, sia per media punti realizzati (23 in due) sia per le intelligenti giocate a servire i compagni di quintetto (4 assist in due). Dopo aver raggiunto matematicamente la salvezza e praticamente salutato la settima posizione, l’ultima valida per i playoff, per la Junior ora ci sono ancora sei punti disponibili per onorare al meglio la fine della stagione. “Siamo stati battuti da una squadra molto più forte di noi, e che ha giocato la miglior partita di quest’ultimo periodo” ha detto coach Griccioli “Per questo ho poco da rimproverare alla squadra, che forse avrebbe potuto iniziare con maggiore aggressività, ma ha dimostrato come già fatto in altre occasioni di credere nella rimonta e ha fatto di tutto per vincerla. Nel finale abbiamo pagato il tiro di Sandri, in quell’occasione abbiamo commesso una piccola distrazione e siamo stati puniti con la giocata che ha deciso il confronto. Peccato, perchè avevo la sensazione che la gara in quel momento si fosse girata a nostro favore, ma credo che nonostante tutto lo splendido pubblico di questa sera sia stato ripagato”.

adv-787

La cronaca del match tratta dal sito della Junior

Avvio sprint della Manital, che limita l’entusiasmo del Palaferraris con 6 punti di Wojciechowski, 3-9 al primo time out. Le difese faticano a entrare in partita anche grazie alle elevate percentuali da parte di entrambe le squadre. Mini break di Casale che si riporta sul -3 a metà del primo quarto, che scocca sul 9-12. Con due triple e un canestro in contropiede Torino tenta un nuovo allungo ma le soluzioni di Dillard e Jackson tengono a galla la formazione di casa. La Novipiù paga qualche disattenzione difensiva, e a fine primo quarto si trova ad inseguire sul -10 col punteggio di 15-25. L’inizio del secondo quarto fa ben sperare il pubblico del Palaferraris con due super difese di squadra e una schiacciata volante di Fall che corregge un tiro di Martinoni, riducendo il gap dagli ospiti. Coach Pillastrini è costretto a chiamare time out a causa del cambio di intensità della Novipiù, che dopo 3′ si porta sul 21-27. Nella fetta di gara che precede l’intervallo lungo la Junior è volitiva, ma Torino riesce ad amministrare il vantaggio fino al 35-42 con cui le squadre vanno negli spogliatoi. Rientro difficile per la formazione di casa che subisce un parziale di 4-9 facendo fatica a cambiare passo. A metà del terzo quarto Steele è costretto ad abbandonare il terreno di gioco a causa di un brutto taglio in testa, la partita si infiamma con tanti scontri sotto canestro ma l’andamento rimane invariato rispetto al primo tempo con Torino avanti e la Junior che insegue, e al termine del terzo quarto il confronto rimane sul 43-55. L’ultimo quarto inizia con una tripla di Dillard mentre Fall si fa sentire in difesa contro il top scorer avversario Amoroso. Ancora un difficile rapporto con i ferri di casa per la Novipiù, che a 5′ dalla fine è sul 50-61. Un layup e un canestro in contropiede rianimano il PalaFerraris, con la Junior che si porta sul 56-61 costringendo la Manital al timeout. Il canestro del -1 viene annulato a causa di un precedente fallo di Cutolo che esce per quinto fallo. A meno di un minuto dalla fine il punteggio è 58-63. Una tripla di Sandri e il due su due ai liberi di Gergati segnano la fine delle speranze, la partita termina col punteggio di 63-70.