ALESSANDRIA – Il primo tassello della nuova Alessandria. Determinato e risoluto, il neo mister dei grigi Gaetano D’Agostino si è presentato per la prima volta al Moccagatta, insieme al presidente Luca Di Masi. “Ho trovato in lui grande entusiasmo e voglia di seguire questo progetto” ha detto il presidente “spero che ci porti lontano.”

Ad affiancare D’Agostino ci sarà il vice Gaetano Mancino e i preparatori atletici Cristian Cassioli e Jonathan Picollo. Confermato l’allenatore dei portieri Andrea Servili.

“Faremo un calcio propositivo e equilibrato” ha sottolineato D’Agostino “la società e tutto quello che lo stadio rappresenta richiedono di giocare così. Speriamo di far divertire la gente, ma con ben chiaro il concetto della vittoria, dei tre punti.” Un mister desideroso di vincere ma bisogna avere pazienza, anche se non è detto che con una squadra di giovani non si possa arrivare fino in fondo. Chiariamo poi quello che intendo per “giovane”: non guardo l’età ma le partite giocate. Arrivo in una squadra che, per struttura e serietà, vale la serie A ma i giocatori devono essere consapevoli che giochiamo in C, il fattore motivazionale sarà determinante nella scelta dell’organico. Dovranno arrivare giocatori con grande elasticità mentale, anche perché non mi potrò certo soffermare su un solo modulo, sarebbe limitante. Occorrerà ricostruire una mentalità nuova e un calcio diverso, così come diversi saranno gli stimoli diversi.”

Soddisfatto dell'”immediata empatia” scaturità con l’ex tecnico della Virtus Francavilla, elemento decisivo per la scelta finale, Luca Di Masi ha poi tranquillizzato l’ambiente e i tifosi: “Quella di puntare sui giovani è una decisione forte e voglio togliere ogni pensiero negativo che può nascere tra i tifosi. Dietro a questo passo non c’è alcun motivo extracalcistico. Resto ad Alessandria, con grande entusiasmo. Comincio un cammino nuovo e abbiamo una solida base. Per la categoria che disputiamo è importante puntare alla sostenibilità. I giovani? Finché non li si fa giocare non si va mai avanti. Noi siamo pronti a partire.”

Di Masi ha anche aperto alla possibilità di concedere eventualmente il Moccagatta per le gare casalinghe di una ipotetica seconda squadra della Juventus.

Di seguito la conferenza stampa integrale