CASTELLAZZO- Il Castellazzo può sorridere. Nella 18esima giornata di Eccellenza i biancoverdi hanno fermato sullo 0-0 il Benarzole, e nonostante le numerose assenze gli alessandrini hanno confezionato una prestazione convincente. Robotti, Piana e Merlano erano out, e allora mister Stefano Lovisolo ha cambiato modulo: dal 4-3-3 è passato ad un 4-3-1-2 speculare al Benarzole. In campo dal primo minuto ben quattro giovani, con Rosset come punto di riferimento per i cross di Parrinello.

I cuneesi sono partiti carichi mettendo sotto gli alessandrini, che però hanno tenuto botta senza lasciarsi infilzare. Le occasioni più significative per il Castellazzo sono passate dai piedi di Rosset, pericoloso in un paio di situazioni, e da quelli di Tandurelli, che con personalità ha sfiorato il gol calciando dalla distanza. Nella ripresa la musica non è cambiata e le emozioni sono arrivate solo nel finale. Tandurelli, verso l’ottantacinquesimo, ha colpito a botta sicura dal limite, ma Valmori si è immolato e ha spazzato la conclusione sulla linea. E proprio allo scadere, un contropiede avviato da Rosset e finalizzato da Clementini  si è concluso contro il palo interno alla destra di Dinaro, che si è ritrovato il pallone tra le mani dopo il rimbalzo. Il tecnico Stefano Lovisolo commenta così la partita a Radio Gold News: “Il Benarzole è partito bene  e nel primo tempo abbiamo sofferto. La ripresa ha oscillato più dalla nostra parte, grazie anche alla prestazione di Parrinello che sulla fascia ha spinto moltissimo. Il palo nel finale è stato clamoroso, soprattutto perché noi eravamo in 10 (per l’espulsione di Zamburlin, ndr) e vincere sarebbe stato quasi troppo. Al ritorno dalla pausa avremo l’Albese: sarà dura, ma Merlano e Piana saranno nuovamente disponibili. Della Bianchina, poi, oggi  ha rotto il ghiaccio e sarà prontissimo a gennaio”.

Il campionato di Eccellenza riprenderà domenica 11 di gennaio.

adv-278

Andrea Corradini