DALLE 14.30 AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE DI VITERBESE-ALESSANDRIA 

VITERBO – “O risorgiamo ora, come collettivo, o saremo annientati individualmente.” Potrebbe risuonare più o meno così il discorso di mister Braglia negli spogliatoi dello stadio Rocchi di Viterbo, magari ispirato da Tony D’Amato/Al Pacino in Ogni Maledetta Domenica. Continua dopo il banner

adv-350

L’Alessandria è spalle al muro e oggi, alle 14.30, deve vincere contro la Viterbese per mantenere almeno quell’ultimo, fondamentale punto di vantaggio sulla Cremonese che, al momento, consente ancora ai grigi di sperare nella promozione diretta in serie B. Nonostante tutto Sosa e compagni hanno la consapevolezza che dipende ancora tutto da loro. La Cremonese scenderà invece in campo alle 20.30 a Prato, proprio la squadra che sabato ha letteralmente “gelato” il Moccagatta in pieno recupero.

Dopo il pareggio shock di sabato contro i toscani, infatti, serve un cambio di passo. Ora non serve più nemmeno guardare al passato quando, a metà gennaio, i ragazzi di mister Braglia avevano in mano il match point proprio nello scontro diretto: vincere a Cremona, contro una squadra contestata aspramente dal proprio pubblico e con a fianco un intero popolo grigio, avrebbe fatto piombare i grigio rossi a -12. La punizione di Brighenti ha cambiato la storia e ora ci sarà da soffrire fino alla fine, a fronte di una involuzione preoccupante. Il monologo mandrogno di sabato, fino al 2-0 contro il Prato esclude un calo fisico dalla lista delle possibili cause. La sfortuna, certo, è una variabile che nel calcio incide non poco ma nelle ultime settimane all’Alessandria è mancato proprio quel fattore cercato e trovato  nella campagna acquisti dello scorso anno: l’esperienza nel gestire situazioni difficili da parte di chi, in passato, ha giocato anche in categorie più prestigiose.

Purtroppo, proprio uno dei cardini della difesa oggi non sarà a disposizione di mister Braglia: Felice Piccolo infatti, dovrà scontare un turno di squalifica. In retroguardia mancherà anche Nava, infortunato. A centrocampo, invece, torna Branca, dopo il turno di stop scontato sabato.

Il tecnico punterà ancora su Vannucchi tra i pali, in difesa toccherà a Celjak e Barlocco sulle fasce, con Gozzi e Sosa in mezzo. Dopo l’ottima prova contro il Prato, poi, a centrocampo dovrebbe essere confermato Sestu, sulla corsia di destra, con Marras sul lato opposto e la coppia Cazzola-Nicco. Branca dovrebbe ancora partire dalla panchina. Difficile, infatti, rinunciare a un motorino inesauribile come Nicco, vera e propria arma in più dei grigi in queste ultime settimane. Davanti toccherà alla coppia gol Bocalon-Gonzalez. L’Alessandria infatti, non può far altro che aggrapparsi ai loro gol.

I grigi se la vedranno contro una Viterbese che non avrà niente da perdere, in serie positiva da quattro turni, capace di conquistare proprio sul campo di casa la maggior parte del proprio bottino di punti: 35 su 51. Tra le mura amiche, inoltre, i gialloblu hanno incassato anche meno gol dei grigi: appena 15.

Mister Puccica deve però fare i conti su un organico ridotto ai minimi termini a causa di qualche infortunio di troppo, un fattore che potrebbe rivelarsi un punto debole a fronte di un calendario serrato.

Ancora out Scardala, Cruciani e il bomber Sforzini, sabato sono tornati a disposizione Jefferson e Cenciarelli ma difficilmente potranno partire dal primo minuto. Poche, quindi, le novità rispetto al pareggio di sabato a Carrara. La squadra dovrebbe scendere in campo col 3-4-3 con Iannarilli in porta, mentre la difesa sarà guidata dall’ex Alessandria Miceli, affiancato da Celiento e Pacciardi. A centrocampo toccherà a Pandolfi, Cardone, Doninelli e Varutti, mentre in attacco Neglia e Falcone supporteranno Jallow.