Alessandria, vittoria di lusso: Lamesta e Martignago stendono il Gubbio 2-1

ALESSANDRIA – Vittoria di lusso per l’Alessandria Calcio, che nella terza giornata di ritorno del campionato di Serie C girone B ha sconfitto 2-1 il Gubbio, quarta forza del gruppo. A decidere la sfida i gol del neoarrivato Lamesta, migliore in campo, e di Martignago, intervallati dal momentaneo pareggio di Bulevardi.

Subito protagonisti i due arrivi del mercato di gennaio: Lamesta è determinante in entrambi i gol, mentre Guidetti dà il via all’azione del primo vantaggio e per 96′ è attento metronomo di una squadra lontana parente di quella vista nel secondo tempo di Chiavari.

Per i Grigi è la seconda vittoria casalinga consecutiva dopo quella contro l’Imolese, per tre punti d’oro che le permettono di prendere qualche distanza dalle inseguitrici Olbia (18), Montevarchi (17) e Imolese (16), tutte sconfitte nelle rispettive gare: i Grigi salgono a 21 punti, a -1 dalla zona che significherebbe salvezza diretta.

adv-992

Subito titolari gli ultimi arrivati agli ordini di mister Rebuffi, che però conferma per il 4-2-3-1 con Guidetti al fianco di Nichetti sulla mediana e Lamesta con Gazoul e Galeandro a sostegno del rientrante Sylla. Nel Gubbio Mbakogu e Vazquez sono supportati da Spina, che prende il posto dello squalificato Arena.

Nel primo tempo Vazquez e Mbakogu provano a indirizzare subito l’incontro, ma i Grigi prendono progressivamente coraggio, con Guidetti e Lamesta subito protagonisti. Al 9′ il primo suggerisce per il secondo, che dal limite dell’area lascia partire un sinistro a giro che sfiora il palo alla destra di Di Gennaro. Al 20′ l’Alessandria passa in vantaggio, sempre con lo zampino degli nuovi acquisti: Guidetti verticalizza, Galeandro spizza di testa, Nichetti imbuca per Lamesta che trafigge il portiere ospite per il suo primo gol il maglia grigia. La reazione del Gubbio è immediata, ma Liverani è super nell’opportsi a Mbakogu. Gli ospiti continuano a premere sull’acceleratore, ma i Grigi si difendono bene e allo scadere è di nuovo Liverani a deviare una conclusione angolata di Bulevardi.

In avvio di ripresa è di nuovo il numero 10 rossoblu a provarci, ma la sua conclusione non inquadra la porta. Al 57′ il Gubbio pareggia: Liverani in uscita atterra Mbakogu al limite dell’area, tra le proteste l’arbitro opta per il rigore. Dal dischetto il 22 grigio si oppone a Vazquez ma nulla può sulla ribattuta di Bulevardi. Gli ospiti insistono con Rosaia, mentre i padroni di casa ci provano prima con il solito Lamesta e poi con Nichetti. Al 75′ mister Rebuffi opera i primi cambi inserendo Ghiozzi e Martignago al posto di Gazoul e Sylla. I cambi si dimostrano vincenti. All’80’ Galeandro riceve da Lamesta e suggerisce per Margignago, che riporta in vantaggio i Grigi. All’86’ tra gli applausi del Moccagatta Lamesta lascia il campo a Rota. Nel finale l’Alessandria stringe i denti e dopo 6′ di recupero il Moccagatta può scoppiare di gioia.

ALESSANDRIA – GUBBIO 2-1

MARCATORI: 20′ Lamesta (A), 57′ Bulevardi (G), 80′ Martignago (A)

ALESSANDRIA (4-2-3-1): Liverani; Baldi, Bellucci, Sini, Nunzella; Guidetti, Nichetti; Gazoul (75′ Ghiozzi), Lamesta (86′ Rota), Galeandro; Sylla (75′ Martignago). A disposizione: Marietta, Dyzeni, Mionic, Rizzo, Lombardi, Pellitteri, Ascoli, Ventre, Morando. Allenatore: Fabio Rebuffi.

GUBBIO (3-4-1-2): Di Gennaro; Bonini (69′ Bontà), Dutu, Portanova; Morelli, Rosaia, Bulevardi, Corsinelli; Spina (77′ Toscano); Vazquez, Mbakogu. A disposizione: Meneghetti, Semeraro, Di Stefano, Tazzer, Ahmetaj, Guerrini, Vitale. Allenatore: Piero Braglia.

ARBITRO: Alessandro Di Graci di Como.