L’Ovadese incassa uno stop nel derby contro la Valenzana Mado: ko per 0-1

VALENZA – Si interrompe a Valenza la serie positiva dell’Ovadese, sconfitta con il minimo scarto grazie a un gol di Luca Palazzo. Ovadese che si mostra a due facce: primo tempo molto sofferto con una Valenzana Mado decisamente all’attacco, diversa la ripresa con gli uomini di Raimondi che reagiscono, senza però causare particolari pericoli alla difesa orafa.

Va detto, anche, che la sfida non è iniziata sotto una buona stella. Oltra all’assenza di Sassari (squalificato), si è aggiunta anche quella di bomber Rignanese, che, nella fase finale di riscaldamento, ha accusato un problema muscolare, costringendo mister Raimondi a rinunciare al forte attaccante. “Sapevamo dell’assenza di Sassari, ma quella di Rignanese è successa all’ultimo tiro di riscaldamento. Non c’è stato neanche tempo materiale per parlare, costringendo Aresca a entrare subito in campo senza riscaldamento. Anche loro, però, avevano assenze importanti, come Vukmirovic, giocatore eccezionale e altri ancora“, spiega il tecnico dei bianchi.

Sul risultato Raimondi non cerca scuse: “Primo tempo molto male, soprattutto i primi venti minuti in cui abbiamo subìto e sofferto troppo, anche se c’erano i modi e gli spazi per metterli in difficoltà. La partita era simile a domenica scorsa, ma l’abbiamo gestita male. Non riuscivamo a conquistare palla sulle seconde, male la costruzione, eravamo un po’ piatti sbagliando tanto e correndo tanto a vuoto. Nella ripresa siamo andati un filo meglio, abbiamo fatto qualcosina in più. I ragazzi hanno provato in tutti i modi a recuperare il risultato, anche se in maniera confusa. Non siamo quasi mai andati vicino veramente, però ho apprezzato il tentativo, la determinazione e la voglia di riprendere la gara”. L’Ovadese si lecca così le ferite, consapevole, soprattutto dopo i risultati di ieri, che la corsa ai playoff è possibile e assolutamente alla portata di una squadra che ha mostrato evidenti segnali di miglioramento. Da martedì tutti al lavoro per preparare la sfida contro il Trofarello, domenica 13 marzo alle 14.30, al Geirino.