fabrizio_mandia

ALESSANDRIA – Continuano le soddisfazioni all’Accademia Kodokan Alessandria. Durante il seminario invernale di kendo a Modena dello scorso fine settimana, il presidente della Confederazione Italiana Kendo Mauro Navilli ha conferito a Fabrizio Mandia il titolo giapponese “Renshi”, spesso utilizzato nelle Arti marziali giapponesi.

Il termine “Renshi” significa letteralmente “esperto qualificato” ed è solitamente usato per designare un insegnante ufficiale di livello intermedio all’interno di una organizzazione che in questo caso è la Confederazione Italiana Kendo, membro della European Kendo Federation e International Kendo Federation.

I primi titoli per gli shihan (maestri) furono: Hanshi, “esperto modello” (o “insegnante esemplare”) e Kyoshi (originariamente conosciuto come Tasshi), “insegnante esperto”. Più tardi, nel 1934, venne introdotto un terzo titolo, Renshi, “esperto qualificato”.

Per il campione alessandrino ora comincia un nuovo percorso di crescita per diventare in futuro un buon maestro, un buon esempio.

“Ringrazio la Confederazione Italiana Kendo” ha sottolineato Fabrizio Mandia “per avermi dato l’opportunità in tutti questi anni di fare esperienze incredibilmente formative e significative che hanno certamente contribuito a migliorarmi. E ringrazio l’Accademia Kodokan Alessandria con in testa il Maestro Nando Magarotto, punto di riferimento della mia pratica quotidiana, e tutti i miei compagni di dojo passati e presenti con i quali si è sempre confrontato con lealtà, correttezza e passione. E non poteva mancare la mia famiglia che mi ha sempre supportato”.