NOVI LIGURE – Dopo il grande successo ottenuto, due secoli di storia della bicicletta, raccontati nella mostra “Storie di Bici e dintorni” del Distretto del Novese, si intrecciano con quelli del cappellificio alessandrino fondato da Giuseppe Borsalino nel 1857, un simbolo di eccellenza italiana conosciuto in tutto il mondo.  Viaggio tra design, tradizione e creatività, e sullo sfondo avvenimenti storico-culturali che hanno reso unici ottocento e novecento. In questa mostra si affermerà l’intreccio tra Novi e la Borsalino grazie ad un tris rarissimo, eccezionalmente messo a disposizione da “Repetto” di Novi Ligure, storica bottega nata nel 1871, come cappelleria dell’Antica Casa Borsalino.

Si racconta che Giuseppe Pellizza da Volpedo, nel suo lavoro più famoso “Quarto Stato”  avesse inserito tra i contadini ritratti un ragazzino: nella parte destra del quadro lo si vede con la testa girata alla sua destra.  Una storia nella storia, la sua: era Giuseppe Tedesi, straccivendolo e artigiano che realizzava ciotole di terracotta che girava di cascina in cascina in bici, barattando le sue ciotole con pelo di coniglio da rivendere alla Borsalino di Alessandria. Continua dopo il banner

adv-738

Per scoprire tutto questo il Distretto del Novese dà appuntamento al Museo dei Campionissimi di Novi  Ligure giovedì 14 settembre alle ore 18.00. Ingresso Gratuito.

La nuova installazione sarà visitabile dal pubblico a partire da venerdì 15 settembre a domenica 29 ottobre, venerdì pomeriggio dalle 15 alle 19 e sabato e domenica dalle 10 alle 19 nella sala espositiva 1 del Museo dei Campionissimi di Novi Ligure.