ALESSANDRIA – Mercoledì 14 febbraio alle 21 Paolo Cevoli si esibirà sul palco del teatro Alessandrino con lo spettacolo ” La Bibbia raccontata al modo di Paolo Cevoli“.

Il pubblico televisivo ha imparato a conoscerlo e ad amarlo nei panni di Palmiro Cangini, il sindaco arruffone di Roncofritto, sul palco di Zelig, ma Paolo Cevoli,  nel film “ Soldato semplice”   nel 2015 riesce a stupire,  catapultando lo spettatore in una vicenda cruda e dallo sfondo didascalico, non priva di sorrisi. che  segna il suo triplice debutto al cinema: come attore, regista e sceneggiatore.  In teatro Cevoli non si crogiola sul suo personaggio cult ma cerca da sempre una via più complessa alla comicità, che lo ha portato per esempio ad essere il sosia di Benito Mussolini o il gestore del catering dell’ultima cena…

Ora una nuova avventura : La Bibbia raccontata al modo di Paolo Cevoli.

La Bibbia. Il Libro dei Libri. Il Best Seller dei best sellers. Da tutti conosciuto anche se forse non da tutti letto. Ma sicuramente, anche quelli che non l’hanno mai sfogliato, hanno qualche nozione di Adamo ed Eva, Caino e Abele, Noè e l’arca ecc ecc…Paolo Cevoli vuole rileggere queste storie come una grande rappresentazione teatrale dove Dio è il “capocomico” che si vuole rappresentare e far conoscere sul palcoscenico dell’universo. Dio è il “Primo Attore” che convoca come interpreti i grandi personaggi della Bibbia. E forse anche ognuno di noi è protagonista e attore e può scoprire anche l’ironia e la comicità di quella della Grande Storia.

Questa è la sua  quarta produzione teatrale . In teatro non ha mai fatto i personaggi del cabaret, piuttosto ha adottato l’idea di una macchina del tempo che ci trasporta in varie epoche.

Ecco l’intervista realizzata da Sandrino Marenco con Paolo Cevoli.

Spiega Cevoli: “ questa volta abbiamo pensato di andare proprio all’inizio degli inizi. Per me è stata una gran sorpresa scoprire come la Bibbia affronti certi temi, anche scabrosi così come attuali. Gli immigranti e la paura dello straniero, l’ecologia e il rispetto dell’ambiente. Questo mi ha permesso di portare i personaggi della Bibbia ai giorni nostri e, viceversa, io mettermi a quel tempo. Poi ho scoperto anche che nella Bibbia c’è tanta ironia, elemento indispensabile nella quotidianità di ogni tempo storico.
C’è Dio, che è una sorta di capocomico, che introduce tutti i personaggi che si raccontano, da Adamo ed Eva a Giobbe passando per Abramo. E li faccio tutti io. In scena con me poi ci sono Daniela Galli, Silvia Donati e Cristina Montanari, tre cantanti jazz molto brave, che  interagiscono cantando. Dare voce a Dio con una persona era difficile e allora io ho scelto tre cantanti, che chiamo le Trinity Girls. E così Dio non parla direttamente , ma attraverso le canzoni di Sanremo“.

Prevendite biglietti a partire da 22 euro su www.ticketone.it e nel nuovo punto vendita di Piazza Garibaldi , 40 Alessandria – call center 0131 250600 – GruppoAnteprima-Sipario Soc Cop.