ACQUI TERME – Sabato 24 e domenica 25 febbraio si svolgerà il tradizionale Carnevale Acquese: protagonisti di questa manifestazione saranno il Re e la Regina Sgaientò, maschere storiche della città termale.

L’evento è organizzato dal Comitato Amici del Carnevale e dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso “Jona Ottolenghi” di Acqui Terme in collaborazione con il Comune di Acqui Terme – Assessorato al Turismo,Coisp sindacato di Polizia e S.P.A.T.

 

La storia del Carnevale Acquese ha radici lontane nel tempo,la prima ri-edizione di questa importante festa dedicata ai bambini risale al 1963. Anima dell’evento fin dall’inizio, è stata la Soms cittadina,non a caso cuore di tutti gli appuntamenti con protagonisti scherzi,maschere e coriandoli è stato il mitico locale Olympia che ancora oggi è impresso nella memoria degli acquesi. Infatti per moltissimi anni questo storico locale ha fatto ballare e divertire più generazioni,intrattenendoli con i migliori cantanti e orchestre.

Il carnevale di Acqui Terme in questi ultimi anni ha ottenuto un grande successo tanto da diventare un appuntamento irrinunciabile per gli acquesi e i paesi limitrofi.

I costumi indossati dalla corte e dal Re Sgaientò sono stati confezionati negli anni 60 a mano dalle sarte della nostra città,costumi talmente pregiati che più di una volta sono stati apprezzati nelle molteplici partecipazioni dei più prestigiosi carnevali. Infatti le nostre storiche maschere hanno partecipato anche all’ultimo appuntamento estivo del carnevale di Novara come ospiti d’onore.

Oggi i fasti delle bellissime manifestazioni di un tempo rivivono grazie alla volontà e all’entusiasmo  del Comitato Amici del Carnevale nato nel 2000 da un gruppo di appassionati artefici del restauro di alcuni carri realizzati dal maestro di fama mondiale Beppe Domenici,pittore,scultore,scenografo,ceramista e progettista di varie opere sparse in tutto il mondo.

Questo artista nato nel 1924 a Viareggio,diventa ben presto un personaggio conosciuto in tutto il mondo,ma proprio negli anni 1981-1982 realizza per  Acqui Terme quadri,bozzetti,sculture e progetti per fontane,padiglioni per il gioco dei bambini e tante altre idee purtroppo rimaste solo sulla carta.

Acqui Terme ha il privilegio di vantare gli unici carri allegorici ancora esistenti progettati e realizzati dal maestro e dalla moglie Ivana Barzotti,che coordinò la scuola della cartapesta proprio nella città termale

 

Se oggi si può ancora parlare di Carnevale Acquese è grazie alla passione dei volontari che costituiscono il Comitato Amici del Carnevale e Soms,che con crescente impegno continuano a lavorare per il bene di questa manifestazione ormai entrata nei cuori di tutti i bambini e diventata storia della nostra città.

Anche quest’anno il carnevale è gemellato con il Carnevalone Bistagnese,ed ospiterà la maschera storica di Bistagno Uanèn Carvè,insieme a tante altre maschere e carri allegorici provenienti dai vari festeggiamenti carnevaleschi della regione antecedenti al nostro carnevale.

La manifestazione è arricchita anche da un interessante Mercatino di Carnevale che proprio domenica 25 sostituirà il tradizionale Mercatino degli Sgaientò,pur riservando un intero settore al mercatino degli antiquari e agli appassionati delle cose usate ,ma non solo,ci saranno prelibatezze,prodotti artigianali,manufatti,street food,vini e birra artigianale,pizza e farinata No Stop fino alle ore 20:00

 

Il programma 2018 prevede:

 

SABATO 24 presso discoteca Palladium ,organizzazione a cura del sindacato Polizia COISP

  • ore 15:30 Gran Carnevale dei bambini “ No al bullismo” –  ingresso libero con prenotazione obbligatoria al 3891419526 ,con omaggio ai primi 200 bambini mascherati
  • ore 21:30 Grand Galà in maschera – ingresso gratuito a tutti i personaggi mascherati con prenotazione obbligatoria al 3891419526,a seguire elezione della Reginetta del Carnevale Acquese 2018 (info e iscrizioni concorso Reginetta su carnevaleacqui.it) e premiazione delle maschere e dei gruppi più belli.

 

DOMENICA 25

  • Alle ore 10.00 apertura del Mercatino di Carnevale e del Parco di giochi gonfiabili ed altre sorprese ed intrattenimenti.
  • Alle ore 10.30 partirà la sfilata mattutina con il Re e della Regina dal palazzo Olympia ,sede Soms,per un abbraccio simbolico alla città fino a giungere in piazza della Bollente,dove avrà luogo la cerimonia di scottatura del Re alla fonte della Bollente che diventerà così “Sgaientò”, simbolo dell’inizio del Carnevale. Accompagneranno i due sovrani il gruppo storico Palio di Asti di Castel Alfero,i musici e sbandieratori rinascimentali “J Amis d’la Pera”, la società filarmonica di Villanova d’Asti con le majorettes”Silver Girls”e il gruppo storico pifferi e tamburi della città di Santhià.
  • Alle ore 12:00 in piazza Italia avrà luogo la cerimonia della consegna delle chiavi della città al Re Sgaientò e a seguire una breve esibizione dei gruppi intervenuti.
  • Alle ore 14,00 ritrovo nel piazzale Don Dolermo (ex Caserma) dei carri allegorici e dei gruppi mascherati iscritti per la sfilata.
  • Alle 14.30 partenza della sfilata che vedrà la partecipazione oltre che dei gruppi del corteo mattutino anche la partecipazione del Corpo Bandistico Acquese,fiore all’occhiello della città termale.
  • Al termine della sfilata in piazza Italia, verso le ore 17,00, premiazione dei carri e dei gruppi iscritti e  consegna al carro più artistico del  Trofeo “Beppe Domenici”.