Il 26 e il 27 ottobre incontri e una marcia per la libertà per le donne iraniane  

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Anche il nostro territorio sostiene le donne iraniane impegnate coraggiosamente contro il cammino repressivo e violento che sta tentando di soffocare la lotta per la libertà di espressione del mondo femminile e non solo. La morte di Mahsa (Jina) Amini, 22 anni, il 16 settembre a Teheran, dopo essere stata arrestata dalla polizia perché non portava il velo in modo corretto, e l’uccisione di Hadis Najafi, la ragazza simbolo delle proteste per Mahsa Amini, e di altre giovani ragazze, hanno scatenato la rivolta in tutto il Paese, e una dura repressione da parte del regime. Una lotta per i diritti umani, semplici ma fondamentali che lo Stato nega da anni.

Molte associazioni alessandrine, i sindacati Cgil, Cisl e Uil e alcune amministrazioni comunali hanno raccolto il loro appello e si sono uniti in una rete solidale per per amplificare la voce e delle richieste delle donne e degli uomini iraniani.

Le associazioni e gli Enti che ad oggi hanno aderito sono Comune di Alessandria, Comune di Novi Ligure, Comune di Fubine, Comune di Capriata D’Orba, Aps Colibrì, Assefa Alessandria, Associazione Cultura e Sviluppo, Associazione DLF Alessandria – Asti, Aps me.Dea, Aps Alter Ego, Associazione Don Angelo Campora, Associazione Esagono, Associazione Gapp, Associazione l’Abbraccio, Associazione per la pace e la nonviolenza, Auser, Aps Cambalache, Cooperativa sociale Azimut, ICS Ets, Zonta Club, SAOMS di Capriata d’Orba, DSF docenti senza frontiere, Laboratorio Synthesis, Pro Loco Capriata D’Orba, Associazione Verso il Kurdistan, Lgbtqi Tessere Le identità, Zonta Club, ANPI Prov.le Alessandria, ISRAL Alessandria, Associazione Memoria della Benedicta, Associazione Insieme per Castelletto, Cooperativa sociale La Ruota, Radio Gold, CGIL, CISL, UIL.

adv-876

Le associazioni, i sindacati e gli istituti scolastici cittadini che hanno aderito, si sono impegnati con entusiasmo e dedizione alla creazione e alla realizzazione del programma, un ringraziamento particolare va al CSVA di Alessandria, al DLF Alessandria e Asti , alla CGIL Camera del Lavoro di Alessandria e  all’Associazione Cultura e Sviluppo che hanno sostenuto economicamente l’iniziativa.

Riteniamo importante manifestare una ferma condanna della repressione in atto e una profonda solidarietà alle donne e agli uomini in lotta in Iran per la libertà, la democrazia e il rispetto dei diritti fondamentali. Per affermare il principio di non discriminazione, e in particolare di uguaglianza tra uomini e donne, oltre a tutti gli altri generi, un principio chiave del diritto internazionale dei diritti umani, sancito nella Dichiarazione universale dei diritti umani. Lo sentiamo come un dovere collettivo della comunità locale, nazionale e internazionale

 Gli eventi e le iniziative sono aperti a tutti e a ingresso gratuito.

PROGRAMMA

MERCOLEDI 26 OTTOBRE 2022

9.00 – 11.00 Teatro Ambra

proiezione per le scuole del docu-film “Be my voice”  Regia di Nahid Persson, un film con Masih Alinejad.

(La giornalista e attivista Masih Alinejad ha esortato le donne iraniane a ribellarsi contro l’hijab forzato sui social media. Il suo appello all’azione è diventato uno dei più grandi atti di disobbedienza civile nell’Iran di oggi.)

21.00 – 23.00 Teatro Ambra

proiezione aperta a tutta la cittadinanza del docu-film “Be my voice”

Regia di Nahid Persson, un film con Masih Alinejad.

 GIOVEDI 27 OTTOBRE 2022

11.00 – 12.30 Marcia “Donne Vita Libertà”

Partenza da Piazza della Lega fino a Piazza Libertà davanti alla Prefettura

18.00 – 20.00 Associazione Cultura e Sviluppo- P.zza De André

Incontro e dibattito con Farian Sabahi. Presenta la nuova edizione del suo libro “Noi donne di Teheran”.