ALESSANDRIA – Entro fine marzo termineranno i lavori di sostituzione e riconversione delle telecamere ad Alessandria. Rispetto ai 14 apparecchi attivi finora, l’intera rete di 40 occhi elettronici prevista in città tornerà interamente in funzione, con una tecnologia più avanzata, in grado anche di riconoscere i volti. Un progetto da circa 150 mila euro, finanziato dai fondi della Cassa Depositi e Prestiti. Le immagini saranno poi dirottate alla Polizia Municipale, alla Questura e ai Carabinieri.

Soddisfatti il sindaco Cuttica di Revigliasco e l’assessore al Commercio Roggero. “Una bella notizia per gli esercenti del centro” ha sottolineato proprio il membro della Giunta, anche alla luce degli ultimi episodi di cronaca ai danni delle vetrine di molti negozi.

Ma gli investimenti in città non finiscono qui. Piazzale Berlinguer sarà monitorato da 20 occhi elettronici. A breve inizierà l’installazione, una volta che l’Ufficio Lavori Pubblici avrà scelto la soluzione migliore tra le cinque prospettate dal Servizio Sistemi Informativi di Palazzo Rosso. “Abbiamo anche partecipato a un bando del Ministero degli Interni sulla sicurezza che riguarda proprio l’implementazione delle telecamere. Con tutta probabilità siamo passati nella seconda tranche di finanziamenti” ha aggiunto il sindaco Cuttica. Nell’ambito del Marengo Hub e dei fondi Por Fesr, poi, una parte di finanziamenti riguarderà proprio la videosorveglianza a Spinetta Marengo e alla Cittadella.

Infine è all’ordine del giorno un lavoro di mappatura di tutti gli apparecchi esistenti in città, pubblici e privati, realizzato in sinergia con la Prefettura e da condividere con tutte le forze dell’ordine. partecipando a un bando del ministero degfli  sulla sicurezza

adv-602