ALESSANDRIA – Hanno mantenuto i servizi minimi garantiti ma i 33 dipendenti di Aral hanno aderito in massa allo sciopero di otto ore indetto da Fp Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti per il mancato versamento dello stipendio di giugno, della 14^ e dei contributi di maggio e giugno. Da circa quattro mesi l’azienda è in crisi. “Siamo allo sbando” hanno sottolineato i lavoratori in presidio davanti alla Prefettura “e da un mese e mezzo manca anche il responsabile della sicurezza”.