ALESSANDRIA – “Lavorare sulla testa e sulla qualità delle giocate”. Questi gli obiettivi tracciati dal direttore sportivo dell’Alessandria Massimo Cerri al termine del pareggio contro il Pontedera: se si deve infatti salvare la reazione allo svantaggio, c’è però da considerare un primo tempo timido e sterile dei grigi. “I giocatori avevano paura di sbagliare, in alcuni momenti non si riusciva a fare due passaggi di fila. A fine primo tempo 5 o 6 giocatori potevano essere sostituiti. Questo è un problema mentale, dobbiamo fare qualcosa di più” ha aggiunto il dirigente dell’Alessandria che ha poi voluto fare un plauso ai tifosi. “Ci hanno incitato anche nei momenti peggiori, sono stati bravissimi”. A breve si aprirà la finestra del mercato invernale e Massimo Cerri ha fatto il punto della situazione: “Per la serie C la rosa è più che sufficiente, di buon livello. Il problema è migliorare i giocatori che ci sono. Se potremo aumentare la qualità lo faremo. E se capiterà l’occasione, magari un over, il presidente non si tirerà indietro. Ci proveremo. Attenzione però: a volte a gennaio ci si indebolisce”.