A spasso per il Piemonte: Garessio dal 2016 uno dei borghi più belli d’Italia

RADIOGOLD – Nel 2016 ha ricevuto il premio come uno dei borghi antichi più belli d’Italia: stiamo parlando di Garessio, un comune situato in provincia di Cuneo e ideale per una gita fuori porta al fresco. Il centro di questo gradevole paesino si compone di quattro borgate: Poggiolo, Maggiore, Ponte e Valsorda che è anche sede di un santuario mariano.

adv-488

La parte medievale di Garessio si identifica soprattutto con Borgo Maggiore che si trova ai piedi della collina Cornaraea, su cui svettava l’antico castello, poi distrutto nel 1600 dai Savoia. Oggi dell’edificio resistono unicamente alcune rovine. Il museo civico di Garessio si trova nel Palazzo municipale, in Piazza Carrara. Si tratta di un museo di tipo geo-speleologico e al suo interno si possono trovare diverse rocce e minerali oltre a una serie di manufatti litici, frammenti provenienti dalla grotta del Gray, stalattiti e stalagmiti di grande suggestione. Vera e propria chicca è lo scheletro dell’orso delle caverne perfettamente conservato oltre ad alcune ceramiche del periodo etrusco. Di assoluto interesse anche la Pinacoteca civica che è situata al primo piano del Palazzo Comunale di questo suggestivo paesino. La struttura offre al visitatore, in modo del tutto gratuito, circa 150 quadri di pittori italiani e stranieri.

Ma la vera attrattiva di Garessio è la natura che lo circonda. Il borgo è infatti incastonato in una corona di monti. Molti escursionisti arrivano infatti in questo paese che viene preso come punto di partenza per decine di sentieri che solcano le Alpi Marittime. Tra gli itinerari più suggestivi e famosi c’è sicuramente il tratto Colla di Casotto-Bric Mindino. Si tratta di una piacevole passeggiata che porta a uno dei punti più panoramici della zona. Il cammino è praticabile in tutte le stagioni ed è adatta anche ai neofiti della montagna dato che non porta con sé grosse difficoltà. Un’ultima piacevole escursione da provare a Garessio è la via del Sale, una passeggiata che anticamente metteva in comunicazione il territorio contadino di Cuneo con Albenga e il mare della Liguria.

adv-205

Per gli amanti del buon cibo quella di Garessio è un luogo davvero ricco di sorprese. Uno dei piatti tipici della zona è la polenta saracena, condita con un particolare sugo a base di porri. Viene ancora oggi preparata nel modo tradizionale con prodotti locali quali patate e farina di grano saraceno per essere poi servita con un sugo composto da panna, funghi e porri. Dall’inizio dell’autunno e sino alle soglie della primavera la polenta saracena costituiva il piatto quotidiano delle famiglie locali. Tra le specialità gastronomiche troviamo la famosa castagna garessina, chiamata anche la castagna gabbiana, una delle migliori castagne secche in assoluto. Ci sono poi i funghi porcini, le patate di montagna e i porri. Bisogna ricordare inoltre che dai monti di Garessio sgorga una delle acque tra le più commercializzate in Italia, la San Bernardo. Famosi inoltre sono i garessini, dolcetti morbidi e pastosi a base di cacao e nocciole con forme simili alle meringhe.

Foto Facebook Comune di Garessio