A spasso per l’Alessandrino: il giro delle cinque torri tra Acquese e Astigiano

ACQUI TERME – Prosegue in questa estate 2021 il cammino di RadioGold all’insegna della natura. Questa volta vi portiamo nell’Acquese dove si trova un lungo percorso escursionistico di circa 30 chilometri denominato il Giro delle 5 Torri (5T). La partenza e l’arrivo sono entrambi a Monastero Bormida e l’itinerario si snoda sulle colline della Langa Astigiana, passando per le torri di Monastero, San Giorgio Scarampi, Olmo Gentile, Roccaverano e Vengore. Una camminata lunga ma piacevole che offre panorami mozzafiato. Il percorso, seppur ricadente in provincia di Asti, è stato ideato e realizzato dalla Sezione CAI di Acqui Terme.

Come dicevamo l’itinerario parte dalla piazza di Monastero Bormida, ai piedi del Castello e della Torre campanaria dell’originaria abbazia benedettina, supera il ponte sulla Bormida e prende a destra, oltrepassando il cimitero e la chiesetta di San Rocco. Poco dopo si abbandona la strada asfaltata e si prende il sentiero in discesa sulla destra che scende fino al fondovalle, dove scorre il Torrente Tatorba. Superato il corso d’acqua, il percorso prende la mulattiera che risale il versante, tocca il Bric del Moro e segue il crinale fino a giungere nei pressi del Bric dei Galli. Qui si trova la chiesetta campestre della Madonna del Rosario e prende la carrozzabile inghiaiata sulla sinistra che conduce a San Giorgio Scarampi, sovrastato dalla imponente Torre del Mastio.

Dopo aver superato il paese si prosegue prima sull’asfalto e poi sullo sterrato che toccano il Bric Favaro e poi il Bric delle Forche, nei cui pressi il cammino prende il sentiero che porta a Olmo Gentile, dove svetta la Torre del Castello; dal paese l’itinerario torna indietro per un tratto sul percorso dell’andata e prende prima il sentiero e poi la strada asfaltata che portano in breve al paese di Roccaverano, dove sono presenti un tratto di mura del Castello e la Torre Rotonda. Il cammino prosegue su asfalto, transita nei pressi della chiesa di San Giovanni e arriva alla solitaria Torre di Vengore. Il sentiero prosegue nel bosco toccando la frazione di Santa Libera e il Bric Valla, scendendo sulla strada asfaltata e rientrando infine al paese di Monastero Bormida, dove era partito il lungo itinerario. Scarica qui la mappa.