adv-206

ALESSANDRIA – Non un cappello qualunque, ma “un Borsalino”. Alain Delon l’ha subito chiamato con il suo nome quando Fabio Fazio ha mostrato il copricapo del killer Jef al grande attore francese durante l’intervista a “Che tempo che fa”. Ospite della trasmissione di Rai Uno, Delon ha giocato con il conduttore a scegliere il cappello più rappresentativo della sua lunga carriera. E così, tra quello indossato nel film di Terence Young “Sole Rosso”, il copricapo del principe Tancredi ne “Il Gattopardo” e il cappello dello Zorro di Tessari, Delon senza pensarci troppo ha subito afferrato  il Borsalino indossato in “Frank Costello faccia d’angelo”. Solo un Borsalino, del resto, poteva essere simbolo del cinema di Delon , nel 1970 interprete e produttore del film “Borsalino” chiamato così proprio in omaggio al cappellificio di Alessandria e ai copricapo indossati dell’attore francesce e dal collega Jean- Paul Belmondo nella pellicola.