SERRAVALLE SCRIVIA – All’interno di una sottile barra di plastica c’era una microcamera per leggere i codici pin dei bancomat, oltre a una sim card per memorizzare i codici di accesso. Grazie a una segnalazione su un’anomalia di uno sportello della filiale della Banca Popolare di Novara, all’Outlet di Serravalle, i Carabinieri hanno arrestato un 47enne bulgaro. Appostati poco lontano, i militati hanno bloccato l’uomo proprio mentre stava recuperando tutta l’attrezzatura, sottoposta a sequestro.

A differenza dei dispositivi sequestrati in passato, la microcamera non era stata collocata in alto ma lateralmente, sul piano della tastiera. In questo modo il codice pin veniva letto anche se i clienti mettevano la mano sopra la tastiera. Il sistema avrebbe inoltre consentito di carpire i codici attraverso il suono prodotto dai singoli tasti. Vicino alla fessura dove inserire la carta di credito, infine, era stato installato anche un lettore di bande magnetiche, così da memorizzare i dati delle carte, associati ai codici.

In manette per installazione di apparecchiature atte a intercettare comunicazioni informatiche o telematiche, accesso abusivo a sistemi informatici e detenzione di codici di accesso, il 47enne è stato condotto in carcere in attesa della convalida dell’arresto di competenza del Tribunale di Torino, visto che si tratta di un reato informatico.